Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (109720)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 54 volte

Raffaella 23

Mi rivolgo a voi, perchè ho un problema di fame nervosa. Tutto è cominciato circa un anno fà, quando, dopo aver conseguito la laurea triennale ho trovato un lavoro full time, ma nello stesso tempo ho deciso di continuare l'università per prendere anche la laurea specialistica. Da quel momento ho cominciato a star male, ero sempre agitata e stressata e così ho cominciato a mangiare, mangiare sempre di più. Oltretutto, a causa del mio poco tempo libero sono stata costretta a ridurre la palestra e purtroppo anche la mia vita sociale: come risultato sono ingrassata di 7 kg, che non riesco più a perdere. Non c'è giorno in cui io riesca a mangiare come si deve, non faccio altro che mangiare anche se non ho fame! Mi rendo conto che il mangiare continuamente non mi fa star meglio, anzi so che così continuo a farmi del male, ma non riesco a smettere. Ho anche pensato di lasciare l' università e di dedicarmi un po' più a me stessa, ma temo che poi me ne pentirò. Oltretutto in questo periodo, nonstante sia più libera perchè non ho esami da dare, non ho la minima voglia di mettermi a dieta e neppure di andare in palestra (cosa che invece una volta mi piaceva una sacco).. Non ho nessuno a cui confidare questo problema: il rapporto con i miei genitori non è dei migliori, dato che mio babbo non c'è mai e mia mamma è troppo occupata a star dietro ai miei fratelli.. Non appena espongo la mia idea di lascire l' università fanno il diavolo perchè secondo loro io sono troppo brava e visto che ho già fatto 30 posso fare anche 31, anche se questo comporta solo una gran fatica e un grande stress! Neppure con le mie amiche riesco a confidarmi, sia perchè da quando ho avuto due batoste con due di loro non riesco più a fidarmi, sia perchè ogni vota che dico che mi vedo ingrassata loro mi dicono che non è vero, ma capisco che lo fanno solo per compatirmi. Come posso fare per risolvere il mio problema?

Cara Raffaella, il tuo problema si risolve con la fatica come immaginerai, solo che devi impegnarti nella giusta direzione o rischi di stressarti per niente. Anzitutto parla di questo problema con un dietista che saprà consigliarti dei cibi anti-fame sani e naturali ed inizia una dieta specifica per la tua persona, non di quelle che si trovano sul giornale. A questo punto non dovrai più pensare al cibo! Per l’università ed il lavoro devi saperti organizzare in modo costruttivo e lasciandoti dei margini di respiro. Per il momento, a meno che non te lo richieda il dietista, lascia da parte la palestra e dedicati a studio e lavoro, che non è poco! Per il primo in molte facoltà è possibile incontrare psicologi che ti aiuteranno a farti un piano di studio adeguato… ma cerca di stare alla larga da programmi troppo rigidi ed impegnativi. Impara a lodarti ad ogni passo avanti e, se la fame ritorna all’attacco, parlane con uno psicologo dal vivo per risolvere il problema alla radice.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 26/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

News Letters