Pubblicità

Disturbi alimentari (118191)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 98 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia 22

Salve, sono una ragazza di 22 anni, attualmente ho uno strano rapporto con il cibo. Mi spiego meglio: tutto è iniziato circa tre anni fa con la mancanza del ciclo per 5 mesi, così andai da una ginecologa che mi prescrisse la pillola. La presi per due mesi ma ebbi sbalzi di umore e ingrassai notevolmente, per cui rifiutai di continuare a prenderla. Dopo 1 anno andai da un dietologo è sono riuscita a dimagrire. Però il rapporto con il cibo non fu più come prima, infatti cominciai a mangiare di più rispetto alla dieta, così iniziai a sentirmi in colpa tanto da digiunare. Alternavo settimane di abbuffate con settimane di digiuno totale. Col tempo non sono riuscita più a controllarmi e a digiunare, risultato: mangio tanto e sono ingrassata tantissimo, da 70 a 90 Kg nel giro di un mese; faccio una dieta per un mese, ma dopo ricado e metto più di quanto ho tolto nel mese precedente. Non riesco a uscire più, vado solo al lavoro perchè sono costretta, ma appena c'è qualche festa mi rinchiudo in casa. La voglia di uscire, di ritornare come prima ce l'ho, ma è tanta quanto l'imbarazzo, quindi mi privo di farlo, alternando momenti tristi, vuoti e pensieri negativi (tipo "Non ce la farò mai"), pianti a momenti più sereni. La mia paura più grande è il fatto di non avere il controllo sul cibo. Cosa posso fare? Sono bulimica vero? Posso farcela ad uscire da questo tunnel? Senza farmaci?

Cara Silvia, la situazione che vivi è sicuramente molto dolorosa per te, perché ti porta a non accettarti ed evitare i rapporti sociali, col risultato di una gran tristezza e senso di solitudine. Pensa che in realtà, aldilà dell'importanza che tu dai all'aspetto esteriore nel valutare te stessa e dei modelli che si vedono in tv, le persone spesso sono amate per ciò che ci trasmettono, per ciò che dicono, spesso anche senza una ragione precisa o scontata: per il loro tono di voce, per la sofficezza della loro pelle, per la loro semplicità e non soltanto per ciò che vediamo di loro! Hai mai provato a fare un elenco dei tuoi difetti e dei tuoi pregi? Quando ti ricapiterà l'occasione cerca di partecipare a feste e situazioni che ti portano a stare con gli altri, anche se per poco, rispettando i tuoi tempi, senza caricare gli incontri di eccessive paure e timori! Aldilà delle varie etichette con cui è possibile definire i disturbi, il tuo è un problema legato al controllo del cibo e dei tuoi stati emotivi. Io penso che sarebbe opportuno che tu intraprendessi un percorso col quale riuscire ad esplorare ciò che provi prima di mangiare e dopo, in modo da poterti conoscere meglio e sviluppare così un controllo maggiore sui tuoi impulsi e poter trovare il giusto equilibrio nella tua vita e nelle cose che fai! Un abbraccio, e riscrivimi se ti va!

(risponde la Dott.ssa Maria Rosaria Infante)

Pubblicato in data 07/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni