Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (122266)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 88 volte

Lolly 16

Salve, le scrivo perchè fin dall'età di 9 anni soffro di disturbi alimentari. Sono sempre stata una bambina mangiona ma pur sempre molto magra. Mangiavo ad ogni ora del giorno e mi dicevo sempre: tanto non ingrasso! Un giorno come tanti mi sono svegliata e mi sono vista sbagliata. In classe c'era una compagna piuttosto cicciottella ed io avevo il terrore di diventare come lei. Iniziai così a mangiare sempre di meno, sempre di meno, ma non mi bastava mai. Ero felicissima quando la bilancia segnava quel chilo in meno, mi sentivo forte e mi passava la fame. Mentre se la bilancia segnava di più entravo in depressione totale finendo qualche volta a svaligiare il frigo. All'età di 13 anni sono arrivata a pesare ben 50kg, uno sproposito per me. In quel periodo mi ero innamorata di un ragazzo e dopo breve tempo ci mettemmo insieme. Ma non potevo sapere che quello sarebbe stato l'inizio del mio inferno. Voleva avere rapporti sessuali con me ed io avevo paura a dirgli di no. Ogni volta che tornavo a casa mi sentivo sporca. Così iniziai con l'autolesionismo. Ogni giorno usavo tagliarmi per liberarmi e per avere quei 2 minuti di felicità. Ero disposta a tutto, anche se poi sarei stata ancora peggio. Continuai a controllare minuziosamente tutto quello che ingerivo. Dimagrivo e ingrassavo, dimagrivo e ingrassavo. Ero diventata uno yo-yo. Un'estate di 2 anni fa persi 5 kg in 20 giorni mangiando solo insalata e 1 mela e passando tutta la notte a fare attività fisica. Era diventata una droga per me. Quando partii per la Grecia purtroppo ripresi 6 kg, ma non mi diedi per vinta e ricominciai con il mio regime. Da settembre 2007 persi il più assoluto controllo di me stessa. Mangiavo, mangiavo, mangiavo e ingrassavo. Arrivai a pesare la bellezza di 60kg. Ero depressa, i vestiti non mi entravano e non uscivo più di casa. Ero terrorizzata al solo pensiero che gli altri mi potessero vedere in quello stato. Iniziai allora con i digiuni. Dopo 3 giorni che non toccavo cibo collassai: è stato bruttissimo ma non mi ha tolto dai miei propositi di digiuno. Passarono altri 2 giorni ed ecco un'altro collasso. Mi spaventai e allora ricominciai a mangiare qualcosina. Nella mia testa solo cibo, cibo, cibo. Iniziarono a balenarmi in testa pensieri di mangiare e poi vomitare tutto, così almeno non sarei ingrassata. Ma purtroppo oltre a stare 20 minuti sulla tazza del cesso, avere gli occhi rossi che bruciano e un mal di gola terribile non ho combinato niente. Anche lì ero una fallita. Nemmeno a finire di rovinarmi sono riuscita! Mi sento così sbagliata, sola e triste. Ogni giorno che passa è sempre più difficile, ogni giorno che passa vorrei solo morire. Se è questa la vita che devo vivere allora tanto valeva non essere mai nata. Ho fatto i test su questo sito: ansiosa nella media (48 punti), ci sono stati periodi in cui non riuscivo a controllarmi, avevo sempre giramenti di testa, tremolio alle gambe e mani, vista annebbiata, nausea; depressione medio-alta (58 punti); bulimia (45 punti), anche se non riesco a capire come posso essere bulimica se non vomito, visto che il mio corpo si rifiuta di farlo. La ringrazio in anticipo e spero che almeno lei riesca a darmi un aiuto.

Cara Lolly, ti assicuro che anche io spero di aiutarti! Non c'è dubbio che hai un cattivo rapporto con il tuo corpo e con il comportamento alimentare, il che ti candida ad una bella terapia psicologica, nella quale imparare a gestire la cosa nel modo più funzionale e sano. I test sul sito sono solo indicativi e per essere sicura di questi fattori è necessario che ti rivolga ad uno psicologo in carne ed ossa! Il fatto che tu risulti bulimica dipende probabilmente dal fatto che hai tendenze ad abbuffarti o che, anche se non ci riesci, cerchi di mettere in pratica attività compensatorie all'abbuffata. Su questo tema ci sono tesi contrastanti, io ti consiglio l'orientamento che io stessa ho scelto, perchè lo conosco e so che può aiutare in questo tipo di disturbi, che è quello cognitivo-comportamentale; ma troverai altri che consigliano ambiti terapeutici più improntanti alla famiglia. Intervieni però, perchè sei ancora molto giovane ed è importante che tu segua un'alimentazione adeguata per il tuo sviluppo! Parlane con i tuoi genitori e chiedi di fare una terapia, a volte il problema rientra velocemente se ti impegni! Se vuoi tenermi aggiornata, sono quì! Ciao a presto!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 26/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini ch...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

News Letters