Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (122460)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 133 volte

Dora 24

Buongiorno. A febbraio di quest'anno sono stata operata di bypass gastrico e in 4 mesi ho perso 40 kg. Ora ne peso 88, ma mi è venuta una specie di "fissa". Cioè, mi peso 4/5 volte al giorno, conto tutte le calorie che ingerisco e quando mangio (a volte digiuno) cerco di stare sotto le 200 calorie. Mi esalta questa cosa, mi esalta riuscire a non mangiare o a non mangiare per nulla. A volte capita che, anche se mangio pochissimo, dopo lo vado a tirar sù perchè penso che l'indomani potrei avere quei 100 o 200 grammi in più per colpa di una mela (ultimamente mangio solo yogurt o frutta o bevo tisane diuretiche o thé verde senza zucchero, naturalmente). E' difficile da spiegare ciò che provo: sono sempre stata obesa fin da piccola (sono partita da 127 kg) e ora il mio desiderio più assoluto è diventare magra. Voglio arrivare a 50 kg. E il bello è che ne sono totalmente convinta, anche se so che a 50 kg probabilmente sarò sotto terra già da un pezzo (non ho intenzioni suicide, chiariamo). Il cibo è sempre stato uno sfogo per me, un caro amico che riempiva sempre il vuoto che c'era dentro di me. Ma dopo un mese dall'intervento, vedendo che il peso scendeva, il cibo è diventato un acerrimo nemico mentre la bilancia è diventata la mia amica del cuore e la mia sostenitrice. Le mie amiche hanno notato tutto ciò (il fatto che non mangio) e mi hanno detto che mi sto ammalando di anoressia. Beh io non penso di essere anoressica, sono ancora obesa di primo grado (sono alta 172 cm), non sono mica sottopeso!!! Vorrei un suo parere. Non è una mia fissa, cioè non voglio diventare una modella etc, voglio solo sentirmi bene con me stessa e con il mio corpo; mi dico che, una volta arrivata a 50kg, mi fermerò. Non lo so neanche io, sono confusa, ma nello stesso tempo mi è difficile andare in ospedale dai medici che mi seguono e dir loro tutto ciò. Ho paura di ritornare ai 127kg di prima e ho una terribile paura a rimanere a 88 kg, sono ancora grassa così!!! Grazie. Buona giornata.

Cara Dora, l'intervento di by-pass gastrico a cui sei stata sottoposta determinerà inevitabilmente un passaggio nella tua vita e anche, sotto alcuni punti di vista positivamente, una nuova vita! Non devi aver paura delle possibilità che ti si prospetteranno! Il by-pass gastrico porta a una riduzione dell'introito alimentare dovuta a un precoce senso di sazietà  e induce una riduzione dell'appetito e una diminuzione dell'assorbimento dei grassi. Col tempo, con la perdita di peso, si modificherà la percezione che hai di te: sicuramente ora ami di più il tuo aspetto fisico, rispetto a poco tempo fa e ciò ti permetterà di sentirti più sicura nei rapporti interpersonali e, forse, aumenterà il numero di possibilità che tu avrai: devi ora cercare di armonizzare il modo in cui ti percepivi prima con la tua nuova situazione. E' importante che tu resti in contatto con il reparto di endocrinologia che ti ha seguito e con l'equipe, comunica loro le tue perplessità e anche la tua, legittima e normale in questa fase, paura di ingrassare e perdere la tua nuova linea. Sarebbe opportuno che ti facessi seguire per una dieta ben equilibrata, che tenga presente le implicazioni dell'intervento: un aiuto considerevole affinché la perdita di peso sia possibile in tempi ragionevoli è dato dall'evitare, quanto più possibile, l'assunzione di dolci. Infatti gli zuccheri, oltre a contenere parecchie calorie facilmente ingeribili, possono provocare nel paziente operato di by-pass gastrico vomito, nausea, tachicardia e diarrea. Questo intervento, riducendo l'introduzione di cibo e provocando un rapido senso di pienezza, costringe a rispettare una giusta alimentazione, dunque sarà l'intervento stesso ad aiutarti a mangiare meno.  E' importante che tu sviluppi delle aspettative realistiche nel modo in cui potrai ulteriormente modificare la tua linea attraverso il bypass. Forse 50 kg di peso sono sicuramente pochi per la tua altezza! Ma credo che tu questo già lo sappia! Datti tempo e cerca ora di spostare la tua attenzione su altri interessi come le amicizie, ciò che ti piace o lo sport, che è di fondamentale importanza per il mantenimento di un buon equilibrio psicofisico. Penso tu abbia parlato prima dell'intervento con una psicologa, ora sarebbe importante che tu le esprimessi liberamente le tue emozioni legate a questo cambiamento: la tua contentezza, ma anche le tue paure, come facce di una stessa medaglia! Vedrai che, col tempo, il modo in cui ti senti e il modo in cui vivi le tue emozioni legate all'aspetto fisico, si armonizzeranno sempre più e tu troverai il giusto equilibrio! Rasserenati e tanti auguri per il tuo futuro!

(risponde la Dott.ssa Maria Rosaria Infante)

Pubblicato in data 05/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissio...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters