Pubblicità

Disturbi alimentari (147070)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 430 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fiammetta 20

Gent.mi Dottori, scrivo per chiedere delucidazioni sull'assistenza per le persone con disturbi alimentari. Ormai la dipendenza dal cibo mi sta davvero rovinando la vita. Nell'adolescenza ero sovrappeso, così con la consulenza del medico di famiglia mi sono sottoposta ad una dieta che ha funzionato ma poi ho avuto difficoltà a smettere di dimagrire, sono alta 1,66 ed ero arrivata a pesare 49 kg, contavo le calorie di ogni pasto. Successivamente ho iniziato a fare sport e mangiare normalmente, nessuno si era accorto di nulla ma poco dopo ho manifestato il disturbo opposto: tutte le volte in cui sono nervosa o triste comincio a mangiare senza potermi fermare e ad ogni modo tutta la mia giornata è dominata dall'ossessione del cibo. Se poi mi rendo conto di avere mangiato troppo ma non ho la possibilità di aumentare l'intensità dell'allenamento fisico arrivo ad autoindurmi il vomito e se nemmeno questo è possibile sto molto male, mi sento in colpa, divento ancora più nervosa. Nonostante tutto sono normopeso (53 kg x 1,66 m). Ho pensato più volte a sottopormi a terapia tuttavia essendo studentessa dovrei rivolgermi ai miei perchè me la finanzino, ma non desidero che lo sappiano. E' possibile ottenere un'assistenza gratuita ed anonima? Grazie per l'attenzione, distinti saluti.

Cara Fiammetta, capisco la tua situazione e capisco che non vuoi dirlo ai tuoi, proprio per questo esistono i consultori familiari che aiutano le ragazze ad affrontare i problemi dell'adolescenza e della vita con il supporto di varie figure professionali tra cui anche lo psicologo. Ti suggerisco di chiedere al tuo medico di base, che è tenuto al segreto professionale, di farti conoscere le opportunità al tuo servizio, indirizzandoti alle figure più giuste per il tuo caso. Credo proprio che tu sia una persona molto intelligente e determinata, sai quello che vuoi e sai come potresti ottenerlo, in questa situazione sai che stai male e sai che chiedere aiuto può farti uscire dai problemi che ti affliggono. Hai preso la strada giusta ed ora basta che continui a muovere i passi, vedrai che andrai lontano a testa alta, grazie all'aiuto che hai saputo chiedere!

(Risponde la Dott.ssa Diana Baggieri)

Pubblicato in data 22/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni