Pubblicità

Disturbi Alimentari (159146)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 395 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa, 35

 

Gentile Dottore,
buongiorno, soffro di disturbi alimentari da molti anni e ho provato a uscirne da sola, ma finora, nonostante tutti i cambiamenti vissuti (matrimonio, figli,...), nulla si è definitivamente messo a posto. Sempre e solo alcune illusioni di "guarigione", poi svanite.
Dall'età di 16 anni circa ho iniziato a mangiare di meno, sempre di meno. Da quella volta non mi sono mai rimessa a posto: mangio poco e in maniera molto scorretta: a pasto non mangio, salto i pranzi e le cene e "beccotto" qualcosa ogni tanto, forse il necessario per la sopravvivenza. Mi sento molto a disagio quando devo partecipare a cene o pranzi e nonostante mi renda conto dell'enorme errore quando mi si para innanzi il cibo è come se il mio io lo rifiutasse completamente e mi blocco.
Non so se questa mia confessione sia sufficiente, ma attendo qualche gentile risposta.
E.B.

Cara Elisa,
quanto mi riferisce è parte della sintomatologia relativa ai disturbi alimentari con restrizione dietetica. Si vede infatti come il disturbo interessi la sfera personale (quando riferisce di essere malata e di aver tentato di uscire esprime la sua consapevolezza per la malattia) e interpersonale (quando riferisce che si sente a disagio alle cene riferisce una limitazione sociale), non solo, se starà attenta osserverà che il disturbo interessa anche la sfera organica (per esempio disturbi del sonno, cambiamenti della pelle, della peluria...).
Tuttavia con queste poche righe non le posso essere maggiormente di aiuto. Le consiglio di prendere contatto con uno Psicoterapeuta ad indirizzo Cognitivo-Comportamentale esperto nei disturbi del comportamento alimentare oppure con un centro che si occupa di tali disturbi (ce ne sono molti in tutta Italia).
La saluto, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 24/04/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

News Letters

0
condivisioni