Pubblicità

Disturbi Alimentari (159146)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 476 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa, 35

 

Gentile Dottore,
buongiorno, soffro di disturbi alimentari da molti anni e ho provato a uscirne da sola, ma finora, nonostante tutti i cambiamenti vissuti (matrimonio, figli,...), nulla si è definitivamente messo a posto. Sempre e solo alcune illusioni di "guarigione", poi svanite.
Dall'età di 16 anni circa ho iniziato a mangiare di meno, sempre di meno. Da quella volta non mi sono mai rimessa a posto: mangio poco e in maniera molto scorretta: a pasto non mangio, salto i pranzi e le cene e "beccotto" qualcosa ogni tanto, forse il necessario per la sopravvivenza. Mi sento molto a disagio quando devo partecipare a cene o pranzi e nonostante mi renda conto dell'enorme errore quando mi si para innanzi il cibo è come se il mio io lo rifiutasse completamente e mi blocco.
Non so se questa mia confessione sia sufficiente, ma attendo qualche gentile risposta.
E.B.

Cara Elisa,
quanto mi riferisce è parte della sintomatologia relativa ai disturbi alimentari con restrizione dietetica. Si vede infatti come il disturbo interessi la sfera personale (quando riferisce di essere malata e di aver tentato di uscire esprime la sua consapevolezza per la malattia) e interpersonale (quando riferisce che si sente a disagio alle cene riferisce una limitazione sociale), non solo, se starà attenta osserverà che il disturbo interessa anche la sfera organica (per esempio disturbi del sonno, cambiamenti della pelle, della peluria...).
Tuttavia con queste poche righe non le posso essere maggiormente di aiuto. Le consiglio di prendere contatto con uno Psicoterapeuta ad indirizzo Cognitivo-Comportamentale esperto nei disturbi del comportamento alimentare oppure con un centro che si occupa di tali disturbi (ce ne sono molti in tutta Italia).
La saluto, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 24/04/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

News Letters

0
condivisioni