Pubblicità

Disturbi Alimentari (161493)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 477 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Clarissa, 18

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 18 anni e la contatto anche solo per uno sfogo. Ho un problema con il mio corpo da ormai 2 anni e vivo malissimo.
Ho smesso di mangiare alcuni cibi e a contare ossessivamente le calorie nel 2010. Piano piano questo pensiero è diventato sempre più ossessivo.
Mi alzo e mi addormento pensando al cibo. La mia vita è condizionata da tutto questo e così anche le mie amicizie. Non riesco a stare in mezzo alla gente senza il terrore di essere osservata e di avere tutti gli occhi puntati addosso.
Tutto questo è iniziato quando ho scoperto che una mia amica soffriva di disturbi alimentari, dopo due mesi ho iniziato una dieta e forse ci sono caduta anch'io.
Questa ragazza è stata in una clinica e ne è uscita dicendo di essere "guarita" ma a me sembra più magra di quando ci è entrata. Di fronte agli amici mangia sempre e anche il doppio e non ingrassa, anzi in realtà è sempre più magra. Io non riesco a starle vicino perchè continuo a fare paragoni e a invidiare quel piacere con cui mangia e non ingrassa.
Sono in terapia da un anno ma la mia terapeuta non sembra capire il mio disagio e tende a sottovalutarlo.
Vorrei sapere se questa mia amica in realtà è guarita e se riuscirò anch'io a fare lo stesso.

Cara Clarissa,
in relazione alla guarigione della sua amica non so rispondere, per quanto riguarda l'intervento sui disturbi del comportamento alimentare l'unico intervento sperimentato ed efficace ad oggi è quello cognitivo-comportamentale quindi le chiedo di domandare alla sua terapeuta se è di questo indirizzo e se crede sia necessario inviarla ad uno specialista.
Per ora le consiglio di leggere il mio articolo sui trattamenti psicologici dei disturbi del comportamento alimentare https://mirkodaipra.altervista.org/alterpages/files/ArticoloAlimentazione.pdf.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 22/05/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni