Pubblicità

Disturbi alimentari (2805)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 218 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luisa, 24 anni

Sono stata bulimica per ben 6 anni, ora sono quasi 2 anni che non vomito più, però ho sempre ed ugualmente un rapporto molto strano con il cibo, ci sono dei periodi in cui mi sento proprio una nullità e mi ingozzo di schifezze, proprio per farmi del male. Io dentro di me sento che voglio farmi del male, quindi reagisco ingozzandomi.
Sono stata in cura presso una psicologa ed ho preso per un periodo di 8 mesi degli antidepressivi, che inizialmente mi hanno aiutata, ma man mano che passava il tempo, mi rendevo conto che mi intontivano e non mi permettevano di essere lucida per studiare e per fare tante altre cose che avrei voluto fare.
Non riesco a gestire la mia ansia e qualsiasi cosa io debba fare, mi sembra un problema insormontabile, mi programmo la giornata minuziosamente per non pensare, perchè pensare mi fa male. Mi sento molto confusa ed è proprio per questo motivo che avevo pensato di tornare in cura da uno psicoterapeuta, ma purtroppo non lavoro più, quindi non posso permettermelo. Cosa posso fare?

Cara Luisa, brava, continui a non vomitare, ma riprenda a pensare! Gli antidepressivi non hanno, di solito, un effetto di intontimento, anzi, dovrebbero aiutare chi li assume a ritrovare un umore di tono stabile, tale da consentire proprio una maggiore lucidità di pensiero durante il giorno, favorendo contemporaneamente il riposo notturno. Forse non ha sperimentato il farmaco adatto a lei, o il dosaggio utile. Essi infatti agiscono su un periodo di tempo piuttosto lungo, da un minimo di tre settimane.
L'ansia invece ha un effetto disturbante sul pensiero, e la sua difficoltà ad affrontare i problemi quotidiani potrebbe essere una conseguenza proprio dell'intontimento dato dall'ansia. Un livello basso di ansia, infatti, è necessario e fisiologico, e aiuta ad affrontare le situazioni più difficili, ma un livello eccessivo può avere l'effetto opposto: inibire l'azione, talvolta addirittura paralizzare le azioni della persona che ne soffre.
Il mio consiglio è di richiedere una visita specialistica in ospedale, presso un centro per il trattamento dei disturbi alimentari, dove c'è uno psichiatra che coordina il lavoro dell'equipe e prescrive i farmaci, sono molto utilizzati per la cura dei DCA e danno ottimi risultati.
Si affidi senza farsi delle auto-diagnosi, da questa malattia si guarisce completamente, lei è già ad un ottimo punto, ancora un pò di pazienza...e di coraggio!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni