Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (30032007)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 48 volte

Marina 27

E' ora mai 4/5 anni che combatto con il mio corpo, la mia mente e il mondo chge mi circonda. Mi sento fuori luogo, mi mostro forte (anche troppo) ma in realtà solo fragile come il cristallo. Sono seguita dal centro dei disturbi alimentari della mia città ma in realtà mi sento trascurata. Mi sono fatta mettere per due volte il BIB e in tutto ho perso 20 gk (da 105 ai attuali 85 che a giorni riesco aumentare e perdere anche 2/3 kg in 2/3 gg.) sono sempre stata robusta ma sono esplosa quando ho smesso di praticare sport ed mi ero stabilizzata sui 90 /93 kg poi per problemi che io imputo ad una infermità per ernia al disco e medicine varie per più di 2 anni sono arrivata a 105. Se potessi mi farei la liposuzione in tutto il corpo. non riesco a guardarmi allo specchio a figura intera.Ho delle abuffate incontrolate,(se non lo faccio divento molto nervora e spesso violenta,mi farrei del male!) mentre a volte gui se sgarro,se per sbaglio ingerisco 2 kcal in più,mando tutto al diavolo e mi butto sul cibo.

Cara Marina, sospetto che il tuo sentirti trascurata non dipenda tanto dalle attenzioni che le persone ti danno, ma da una tua modalità di vedere la realtà e di vederti. D'altra parte sei tu la prima a trascurarti e a trascurare i tuoi reali bisogni (che non sono di perdita di peso, liposuzioni o altro che riguarda il corpo, bensì qualcosa che riguarda la tua mente, o anima o psiche): cerca di affrontare le tue paure e le tue insicurezze a livello psicologico, perchè solo facendo questo avrai la possibilità di avere un corpo che ti corrisponde. Fintanto che combatterai te stessa non accettandoti e rifiutandoti come persona, non potrai che combattere col tuo corpo. Il corpo è ciò che si vede di noi stessi, è quello che mostriamo agli altri di noi......se ti disprezzi (intendo psicologicamente) inconsciamente farai in modo di provocare disprezzo attraverso il tuo corpo. Insomma Marina, se sei seguita da un centro per disturbi alimentari immagino che sicuramente sarai seguita da un punto di vista psicologico, attraverso un lavoro personale o di gruppo. Se è così, mettici tutto il tuo impegno, perchè quella è la strada giusta. Se invece sei seguita soltanto da un punto di vista farmacologico, allora intraprendi un lavoro su te stessa e vai alla radice dei tuoi problemi.

(risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters