Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari del figlio (078384)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 111 volte

Carlo, 40 anni

Buongiorno,il problema che vi sto' per sottoporre è il seguente:sono sposato con due figli, il primo ha undici anni e la seconda di sei, siamo una famiglia molta unita. Mio figlio da quando ha due anni si nutre di formaggio grana mezzogiorno e sera senza voler sapere di assaggiare altro cibo, mia moglie dice che tutto questo è iniziato da quando lei ha iniziato a lavorare (ora è casalinga, ha lavorato per due anni) il problema è che continuamente insistiamo per cercare di fargli assaggiare dei cibi alternativi ma non vi e nulla da fare. Ora che fa la prima media notiamo che ha dei problemi di concentrazione sullo studio, anche caratterialmente è molto chiuso, si confida poco con noi genitori, è svogliato, e ha poca voglia di fare. Noi continuamo ad insistere, ma la maggior parte delle volte che gli proponiamo di assaggiare almeno la pasta e gli chiediamo il perche' scoppia a piangere.Non sappiamo piu' cosa fare, mi potete cortesemente dare un aiuto o un suggerimento.
Grazie.

Gentile Carlo, credo che la situazione richieda un approfondimento diretto, nel senso che le consiglio di rivolgersi direttamente ad uno psicologo per un consulto, perché quando si ha a che fare con i bambini è ancor più difficile ragionare per standard di comportamento o per generalizzazioni psico-patologiche. Bisogna prendere in considerazione tutto ciò che sta intorno al bambino, cosa che richiede una conoscenza diretta della situazione e delle persone. Insomma, necessitano elementi di conoscenza più approfonditi per esprimere un parere. Al di là di questo, credo sia piuttosto evidente che dietro a questo particolare rapporto col cibo di suo figlio ci siano delle motivazioni psicologiche, che sembrano esprimere una difficoltà, un rifiuto forse, e probabilmente anche delle paure profonde.
Il rifiuto ad assaggiare altri cibi sembra effettivamente un rifiuto al cambiamento, una difficoltà a permettersi di “assaggiare cose nuove nella vita”, dietro alla quale non può che esserci una paura. Assaggiare altro rispetto alle cose note significa permettersi di confrontarsi con il diverso, permettersi di allargare i propri confini, di sperimentare il mondo…..Significa, in ultima analisi, permettersi di crescere. Forse suo figlio (si tratta ovviamente solo di un’ipotesi) ha deciso inconsciamente di non crescere, chissà per quali motivi…. (l’ipotesi di sua moglie potrebbe essere un motivo)….e ritengo che non glie lo dobbiate permettere. Se decidete di rivolgervi ad uno psicoterapeuta per comprendere cosa stia succedendo e come cambiare la situazione, le consiglio una psicoterapia familiare (o sistemico-relazionale).

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di educazione alla salute per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters