Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari del figlio (078384)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 103 volte

Carlo, 40 anni

Buongiorno,il problema che vi sto' per sottoporre è il seguente:sono sposato con due figli, il primo ha undici anni e la seconda di sei, siamo una famiglia molta unita. Mio figlio da quando ha due anni si nutre di formaggio grana mezzogiorno e sera senza voler sapere di assaggiare altro cibo, mia moglie dice che tutto questo è iniziato da quando lei ha iniziato a lavorare (ora è casalinga, ha lavorato per due anni) il problema è che continuamente insistiamo per cercare di fargli assaggiare dei cibi alternativi ma non vi e nulla da fare. Ora che fa la prima media notiamo che ha dei problemi di concentrazione sullo studio, anche caratterialmente è molto chiuso, si confida poco con noi genitori, è svogliato, e ha poca voglia di fare. Noi continuamo ad insistere, ma la maggior parte delle volte che gli proponiamo di assaggiare almeno la pasta e gli chiediamo il perche' scoppia a piangere.Non sappiamo piu' cosa fare, mi potete cortesemente dare un aiuto o un suggerimento.
Grazie.

Gentile Carlo, credo che la situazione richieda un approfondimento diretto, nel senso che le consiglio di rivolgersi direttamente ad uno psicologo per un consulto, perché quando si ha a che fare con i bambini è ancor più difficile ragionare per standard di comportamento o per generalizzazioni psico-patologiche. Bisogna prendere in considerazione tutto ciò che sta intorno al bambino, cosa che richiede una conoscenza diretta della situazione e delle persone. Insomma, necessitano elementi di conoscenza più approfonditi per esprimere un parere. Al di là di questo, credo sia piuttosto evidente che dietro a questo particolare rapporto col cibo di suo figlio ci siano delle motivazioni psicologiche, che sembrano esprimere una difficoltà, un rifiuto forse, e probabilmente anche delle paure profonde.
Il rifiuto ad assaggiare altri cibi sembra effettivamente un rifiuto al cambiamento, una difficoltà a permettersi di “assaggiare cose nuove nella vita”, dietro alla quale non può che esserci una paura. Assaggiare altro rispetto alle cose note significa permettersi di confrontarsi con il diverso, permettersi di allargare i propri confini, di sperimentare il mondo…..Significa, in ultima analisi, permettersi di crescere. Forse suo figlio (si tratta ovviamente solo di un’ipotesi) ha deciso inconsciamente di non crescere, chissà per quali motivi…. (l’ipotesi di sua moglie potrebbe essere un motivo)….e ritengo che non glie lo dobbiate permettere. Se decidete di rivolgervi ad uno psicoterapeuta per comprendere cosa stia succedendo e come cambiare la situazione, le consiglio una psicoterapia familiare (o sistemico-relazionale).

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di educazione alla salute per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters