Pubblicità

Disturbi alimentari (xxxxx)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 90 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Melissa, 16 anni

Ciao io non ho la minima idea a chi rivolgermi e cosi vi scrivo con la speranza che mi rispondiate affinchè riesca ad avere almeno il vostro aiuto.Io soffro di fame nervosa sebbene me ne sia resa solo conto da poco,in quanto non credevo la si potesse considerare una malattia!Io ho sofferto tipo a partire da 2 anni fa di problemi sempre legati al cibo. Appena iniziato una nuova scuola,con nuove persone sentivo il bisogno di essere accettata e in più non credendomi all'altezza ho iniziato a non mangiare.Svenni per 3 volte e qnd lo feci davanti ai miei familiari,loro ke nn si erano accorti di nulla subito mi mandarono da un medico incitandomi a mangiare.COsi ripresi ma in modo esagerato...allora inventavo o modi per non mangiare(nascondendo il cibo)oppure provavo a vomitare,ma non riuscendoci mi catapultavo in palestra ad uccidermi di esercizi.Ora la situazione è cambiata perchè non vado più in palestra,sono ingrassata tantissimo, mi sento brutta mi sfotte mio fratello perchè o
ra lui è dimagrito.Provo a vomitare e on ci riesco così mi abboffo e sto male, sono depressa ho i sesi di colpa e non so che fare.Vorrei un aiuto ma mi vergogno di parlarne,forse tutti la vedrebbero come "esagerazione"visto che nella mia famiglia la masggior parte sono grassi e mi spronano a mangiare,soprattutto mia madre ed io ho il terrore di diventare come lei.Mi odio troppo e mi faccio del male e anche gli altri mi fanno del male. Vi prego datemi una cura se esiste,qualche consiglio,insomma un aiuto perchè mi sento sola,e ho paura di me,e sto tanto male da piangere,deprimermi,buttarmi sull'alcool e ancora sul cibo!!!!Aiuto vi prego.

Cara Melissa, non preoccuparti che una cura c'è che ti permetterà di trovare il tuo equilibrio, senza esagerare nè da un lato nè dall'altro. Soprattutto scoprirai che non potrai mai diventare "come" qualcun altro (tipo tua madre) se non vuoi. Diventerai solo Melissa che si piace e sta bene con se stessa.
Dunque, prima di tutto, dato che sei minorenne, dovresti farti accompagnare da una persona di cui ti fidi, in ospedale. Lì, ovunque ormai, basta che sia un ospedale importante, c'è un centro per la terapia dei disturbi dell'alimentazione (si chiamano DCA). Prendi un appuntamento con il dietologo. Poi aspetti con un pò di pazienza, essendo un servizio pubblico magari te lo daranno tra un paio di settimane. Da quando farai la prima visita accompagnata da tua mamma o da tuo papà, il medico spiegherà a tutti voi cosa dovrete fare per aiutarti a guarire. Poi i controlli saranno settimanali sia con il dietologo che con lo psicologo.
Abbi fiducia, questi centri sono davvero la soluzione migliore per i disturbi alimentari, e oltretutto la terapia costa solo il ticket. Un in bocca al lupo.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di disturbi e abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

News Letters

0
condivisioni