Pubblicità

Disturbi alimentari (xxxxx)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 104 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Melissa, 16 anni

Ciao io non ho la minima idea a chi rivolgermi e cosi vi scrivo con la speranza che mi rispondiate affinchè riesca ad avere almeno il vostro aiuto.Io soffro di fame nervosa sebbene me ne sia resa solo conto da poco,in quanto non credevo la si potesse considerare una malattia!Io ho sofferto tipo a partire da 2 anni fa di problemi sempre legati al cibo. Appena iniziato una nuova scuola,con nuove persone sentivo il bisogno di essere accettata e in più non credendomi all'altezza ho iniziato a non mangiare.Svenni per 3 volte e qnd lo feci davanti ai miei familiari,loro ke nn si erano accorti di nulla subito mi mandarono da un medico incitandomi a mangiare.COsi ripresi ma in modo esagerato...allora inventavo o modi per non mangiare(nascondendo il cibo)oppure provavo a vomitare,ma non riuscendoci mi catapultavo in palestra ad uccidermi di esercizi.Ora la situazione è cambiata perchè non vado più in palestra,sono ingrassata tantissimo, mi sento brutta mi sfotte mio fratello perchè o
ra lui è dimagrito.Provo a vomitare e on ci riesco così mi abboffo e sto male, sono depressa ho i sesi di colpa e non so che fare.Vorrei un aiuto ma mi vergogno di parlarne,forse tutti la vedrebbero come "esagerazione"visto che nella mia famiglia la masggior parte sono grassi e mi spronano a mangiare,soprattutto mia madre ed io ho il terrore di diventare come lei.Mi odio troppo e mi faccio del male e anche gli altri mi fanno del male. Vi prego datemi una cura se esiste,qualche consiglio,insomma un aiuto perchè mi sento sola,e ho paura di me,e sto tanto male da piangere,deprimermi,buttarmi sull'alcool e ancora sul cibo!!!!Aiuto vi prego.

Cara Melissa, non preoccuparti che una cura c'è che ti permetterà di trovare il tuo equilibrio, senza esagerare nè da un lato nè dall'altro. Soprattutto scoprirai che non potrai mai diventare "come" qualcun altro (tipo tua madre) se non vuoi. Diventerai solo Melissa che si piace e sta bene con se stessa.
Dunque, prima di tutto, dato che sei minorenne, dovresti farti accompagnare da una persona di cui ti fidi, in ospedale. Lì, ovunque ormai, basta che sia un ospedale importante, c'è un centro per la terapia dei disturbi dell'alimentazione (si chiamano DCA). Prendi un appuntamento con il dietologo. Poi aspetti con un pò di pazienza, essendo un servizio pubblico magari te lo daranno tra un paio di settimane. Da quando farai la prima visita accompagnata da tua mamma o da tuo papà, il medico spiegherà a tutti voi cosa dovrete fare per aiutarti a guarire. Poi i controlli saranno settimanali sia con il dietologo che con lo psicologo.
Abbi fiducia, questi centri sono davvero la soluzione migliore per i disturbi alimentari, e oltretutto la terapia costa solo il ticket. Un in bocca al lupo.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di disturbi e abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni