Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi dell'alimentazione - obesità (150237 )

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 158 volte


Maria, 34

 

Buongiorno,
mi Chiamo Maria ed ho 34 anni, sono già stata in terapia con una psicologa del policlinico di Napoli ed ho risolto già molti dei miei problemi.
Rimane ancora il problema del mio rapporto con il cibo, sono obesa, ero arrivata a pesare 123 Kg. ora ho perso circa 30 kg.; ho perso il mio papà da poco più di un mese, mia madre non la vedo da 15 anni, e non è stata una buona madre, inoltre la persona con cui convivevo, mi ha chiesto un periodo di pausa per ritrovare se stesso.
Io mi sto cercando casa, e nel frattempo sto cercando di nuovo conforto nel cibo, non ho delle vere e proprie abbuffate come tanto tempo fa, ma sto mangiando comunque molto, volevo un consiglio su cosa fare, se devo tornare dalla psicologa, cercarne qualcun'altro specializzato nei disturbi alimentari, o cercare uno di quei gruppi dove ci si confronta tra persone che hanno avuto esperienze simili.
Io abito ad Acerra in provincia di Napoli, e lavoro a Napoli centro, vorrei un consiglio su cosa è meglio fare e se conoscete centri nelle vicinanze di dove abito o dove lavoro.
Grazie per l'attenzione dedicatami e complimenti
Saluti Maria

Gentile Maria,
Da quanto posso evincere dalla sua mail mi sembra che le difficoltà siano plurime in questo periodo.
Il disturbo alimentare non sembra apparire così chiaramente, sembra invece che stia cercando di "medicarsi" per la sua sofferenza emotiva (tristezza, ansia...), sofferenza che sicuramente esiste ma dalle sue parole non riesco a capire di cosa si tratti.
Proprio per questo le consiglio di affrontare una terapia indirizzata ad alleviare e fronteggiare la sua sofferenza emotiva e nello stesso tempo farsi aiutare da un dietista per studiare un regime alimentare adeguato.
Per quanto riguarda la gestione della sofferenza emotiva può tornare dalla sua Psicologa ASL oppure contattare il centro Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Napoli. Sotto le invio i recapiti:
Via Orsolona ai Guantai, 64
Napoli
80131
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 17/07/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters