Pubblicità

Disturbi dell'assunzione del cibo (061309)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 355 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fama 21 anni, 18.01.2003

Gradirei un parere sul disturbo che mi afflige ormai da più di un anno, ma con il quale ho imparato a conviverci a malincuore. Si tratta di un disturbo riguardo l'assunzione del cibo, di cui non ricordo il nome.
Ho un blocco psicologico nel mangiare, sono sicura che non è anoressia, rendo solo problematico (ragionandoci su) un meccanismo che dovrebbe essere spontaneo, quello dell'ingoiare.
C'è da aggiungere che questo disturbo è accentuato nel periodo pre-mestruale, e credo sia importante che Voi sappiate ( anche se lo immaginate ) che sono una persona ansiosa e ogni tanto ho attacchi di panico, ma anche con questi ho imparato a convivere!!! il quadro sembra clinico ma sono una persona con una vita sociale intensa e sfido chiunque mi conosce poco a pensare che sotto sotto soffro di queste psicosi, ma per le quali sicuramente non vivo bene.
Vi ringrazio anticipatamente attendo una Vostra opinione a riguardo fama

Cara Fama, il tuo potrebbe essere definito un “bolo isterico”, che non è una forma di anoressia in effetti, ma il disagio che vi si nasconde dietro non è tanto dissimile da quello che riguarda le persone che soffrono di una anoressia.
Si, indubbiamente è un disturbo che appartiene alle persone ansiose e spesso è accompagnato ad attacchi di panico, vale a dire a delle paure profonde.
Generalmente appartiene anche a persone che mostrano di se stesse sempre e soltanto una parte, nascondendo ciò che di se stesse reputano inaccettabile (sporco, debole, infantile, oscuro …).
E’ come se non si riuscisse a ”mandar giù” un boccone troppo amaro, un rifiuto ad accettare il confronto con aspetti di sé che, a buon diritto, reclamerebbero di essere invece presi in considerazione e fatti … entrare.
Spesso è più facile, in questo tipo di persone, occuparsi degli altri piuttosto che di se stesse; e spesso sono anzi molto attente all’immagine che di se stesse ricavano dall’esterno, da cui diventano, ovviamente, dipendenti in qualche modo.
Insomma, in parole molto semplici dietro questo tipo di rifiuto, c’è spesso una problematica di identità personale e di insicurezza e paura, e un gran controllo esercitato su se stessi e/o sugli altri. Oppure, a volte, un trauma passato non risolto.
Ti consiglio, cara Fama, di rivolgerti ad uno psicoterapeuta per scoprire le cause del tuo disagio psicologico e dunque porre fine al tuo disturbo alimentare.
E’ un lavoro che non solo ti aiuterà a risolvere le tue difficoltà, ma che ti affascinerà anche. Le persone sensibili quando scoprono i “misteri” della psiche in genere sanno apprezzarli. Buon lavoro.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni