Pubblicità

Disturbi dell'assunzione del cibo (061309)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 261 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fama 21 anni, 18.01.2003

Gradirei un parere sul disturbo che mi afflige ormai da più di un anno, ma con il quale ho imparato a conviverci a malincuore. Si tratta di un disturbo riguardo l'assunzione del cibo, di cui non ricordo il nome.
Ho un blocco psicologico nel mangiare, sono sicura che non è anoressia, rendo solo problematico (ragionandoci su) un meccanismo che dovrebbe essere spontaneo, quello dell'ingoiare.
C'è da aggiungere che questo disturbo è accentuato nel periodo pre-mestruale, e credo sia importante che Voi sappiate ( anche se lo immaginate ) che sono una persona ansiosa e ogni tanto ho attacchi di panico, ma anche con questi ho imparato a convivere!!! il quadro sembra clinico ma sono una persona con una vita sociale intensa e sfido chiunque mi conosce poco a pensare che sotto sotto soffro di queste psicosi, ma per le quali sicuramente non vivo bene.
Vi ringrazio anticipatamente attendo una Vostra opinione a riguardo fama

Cara Fama, il tuo potrebbe essere definito un “bolo isterico”, che non è una forma di anoressia in effetti, ma il disagio che vi si nasconde dietro non è tanto dissimile da quello che riguarda le persone che soffrono di una anoressia.
Si, indubbiamente è un disturbo che appartiene alle persone ansiose e spesso è accompagnato ad attacchi di panico, vale a dire a delle paure profonde.
Generalmente appartiene anche a persone che mostrano di se stesse sempre e soltanto una parte, nascondendo ciò che di se stesse reputano inaccettabile (sporco, debole, infantile, oscuro …).
E’ come se non si riuscisse a ”mandar giù” un boccone troppo amaro, un rifiuto ad accettare il confronto con aspetti di sé che, a buon diritto, reclamerebbero di essere invece presi in considerazione e fatti … entrare.
Spesso è più facile, in questo tipo di persone, occuparsi degli altri piuttosto che di se stesse; e spesso sono anzi molto attente all’immagine che di se stesse ricavano dall’esterno, da cui diventano, ovviamente, dipendenti in qualche modo.
Insomma, in parole molto semplici dietro questo tipo di rifiuto, c’è spesso una problematica di identità personale e di insicurezza e paura, e un gran controllo esercitato su se stessi e/o sugli altri. Oppure, a volte, un trauma passato non risolto.
Ti consiglio, cara Fama, di rivolgerti ad uno psicoterapeuta per scoprire le cause del tuo disagio psicologico e dunque porre fine al tuo disturbo alimentare.
E’ un lavoro che non solo ti aiuterà a risolvere le tue difficoltà, ma che ti affascinerà anche. Le persone sensibili quando scoprono i “misteri” della psiche in genere sanno apprezzarli. Buon lavoro.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni