Pubblicità

Disturbo alimentare ( 017286)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 89 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cinzia, 32 anni

Salve Dottore, sono Cinzia, sono sposata da 10 anni e ho due splendidi maschietti di 8 e 10 anni. Ho un problema che mi segue sin dall'infanzia, nella quale mi sono accadute cose che ad una bambina non dovrebbero mai accadere e che hanno determinato in me molta insicurezza. Chiedo scusa se non spiego ciò che mi è successo, lo farò in seguito magari.
Ora che ho 32 anni e due bimbi inizio a rendermi conto che non ho superato il mio problema nonostante alcune sedute di psicoterapia. In breve io mangio in maniera tranquilla solo se sono a casa "al sicuro", quando decidiamo o di fare una pizza fuori, o ricevo un invito a pranzo, o devo partire inizia in me la tormenta... e mi assilla il pensiero di dover mangiare fuori, la paura di vomitare o di avere mal di pancia...ed è panico!
Vorrei sapere se anche questo fa parte dei disturbi alimentari se c'è una cura e se posso spera di diventere più tranquilla in futuro. Vi saluto Cordialmente.

Cara Cinzia, non spieghi le cose che ti hanno creato insicurezza da bambina, ma credo che, per quello che racconti, si possa ipotizzare un disagio psicologico ed emotivo che esprimi attraverso il tuo rapporto con il cibo.
La cura è di sicuro seguire una psicoterapia o individualmente o in gruppo presso un centro per i disturbi alimentari. Parli di alcune sedute che non penso siano sufficienti per superare il problema. Dunque il mio consiglio è di continuare o di riprendere la psicoterapia se hai interrotto in modo che tu possa elaborare e superare il passato e sentirti serena

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia / bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

News Letters

0
condivisioni