Pubblicità

disturbo alimentare (43032)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 157 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 26anni (9.9.2001)

Vi scrivo per sottoporvi il mio caso...molto comune ad altre ragazze a volte molto più giovani di me.Beh c'è da dire che quando ho iniziato a smettere di mangiare avevo 20-21 anni, ma i disturbi erano iniziati forse prima.Ora ne ho 26 e ho smesso di fare ore esagerate di sport, ho smesso di mangiare solo uno yogurt, ho smesso di mentire a me stessa e agli altri per non mangiare, ma in compenso da quando ho ripreso a toccare cibo ho cominciato quel lunghissimo viaggio della bulimia.Sì ora mangio e dopo poco devo correre al bagno, oramai non ne posso più, è una vergogna continua ma non riesco a cambiare strada.
Ho provato la psicologa e funzionava per capire quali erano i problemi e come affrontarli ma il cibo rimane ancora il mio incubo più grande. Purtroppo devo ammettere con dispiacere che la colpa in parte di tutto ciò va alla mia famiglia, che purtroppo ha capito troppo tardi il mio bisogno di affetto e da quel momento non ha accettato tutte le mie scelte: dalla psicologa che a detta di loro mi rubava soldi al mio ragazzo che mi ha salvato la vita, ma questo per loro conta ben poco.Continuo a vomitare tutti i giorni sono circa cinque anni vorrei un aiuto!Non vorrei rovinare ulteriormente la mia vita e quella del mio ragazzo...che ho paura di perdere grazie

L'unico aiuto che posso darle è di continuare ad affrontare il suo problema con la psicoterapia. Nel suo caso non ci sono altre possibilità. Cerchi di far capire ai suoi genitori che la bulimia è una malattia e non un capriccio o cattiva volontà da parte sua. Reperisca materiale sui disturbi alimentari e li faccia leggere ai suoi genitori. Sicuramente lei ha bisogno di aiuto ma tramite il sito è assolutamente impossibile. Non sapendo in che città abita non posso darle indicazione di centri che si occupano di questi disturbi. Non perda tempo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni