Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

disturbo alimentare (43032)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 97 volte

Elena, 26anni (9.9.2001)

Vi scrivo per sottoporvi il mio caso...molto comune ad altre ragazze a volte molto più giovani di me.Beh c'è da dire che quando ho iniziato a smettere di mangiare avevo 20-21 anni, ma i disturbi erano iniziati forse prima.Ora ne ho 26 e ho smesso di fare ore esagerate di sport, ho smesso di mangiare solo uno yogurt, ho smesso di mentire a me stessa e agli altri per non mangiare, ma in compenso da quando ho ripreso a toccare cibo ho cominciato quel lunghissimo viaggio della bulimia.Sì ora mangio e dopo poco devo correre al bagno, oramai non ne posso più, è una vergogna continua ma non riesco a cambiare strada.
Ho provato la psicologa e funzionava per capire quali erano i problemi e come affrontarli ma il cibo rimane ancora il mio incubo più grande. Purtroppo devo ammettere con dispiacere che la colpa in parte di tutto ciò va alla mia famiglia, che purtroppo ha capito troppo tardi il mio bisogno di affetto e da quel momento non ha accettato tutte le mie scelte: dalla psicologa che a detta di loro mi rubava soldi al mio ragazzo che mi ha salvato la vita, ma questo per loro conta ben poco.Continuo a vomitare tutti i giorni sono circa cinque anni vorrei un aiuto!Non vorrei rovinare ulteriormente la mia vita e quella del mio ragazzo...che ho paura di perdere grazie

L'unico aiuto che posso darle è di continuare ad affrontare il suo problema con la psicoterapia. Nel suo caso non ci sono altre possibilità. Cerchi di far capire ai suoi genitori che la bulimia è una malattia e non un capriccio o cattiva volontà da parte sua. Reperisca materiale sui disturbi alimentari e li faccia leggere ai suoi genitori. Sicuramente lei ha bisogno di aiuto ma tramite il sito è assolutamente impossibile. Non sapendo in che città abita non posso darle indicazione di centri che si occupano di questi disturbi. Non perda tempo.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters