Pubblicità

disturbo alimentare (43032)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 132 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 26anni (9.9.2001)

Vi scrivo per sottoporvi il mio caso...molto comune ad altre ragazze a volte molto più giovani di me.Beh c'è da dire che quando ho iniziato a smettere di mangiare avevo 20-21 anni, ma i disturbi erano iniziati forse prima.Ora ne ho 26 e ho smesso di fare ore esagerate di sport, ho smesso di mangiare solo uno yogurt, ho smesso di mentire a me stessa e agli altri per non mangiare, ma in compenso da quando ho ripreso a toccare cibo ho cominciato quel lunghissimo viaggio della bulimia.Sì ora mangio e dopo poco devo correre al bagno, oramai non ne posso più, è una vergogna continua ma non riesco a cambiare strada.
Ho provato la psicologa e funzionava per capire quali erano i problemi e come affrontarli ma il cibo rimane ancora il mio incubo più grande. Purtroppo devo ammettere con dispiacere che la colpa in parte di tutto ciò va alla mia famiglia, che purtroppo ha capito troppo tardi il mio bisogno di affetto e da quel momento non ha accettato tutte le mie scelte: dalla psicologa che a detta di loro mi rubava soldi al mio ragazzo che mi ha salvato la vita, ma questo per loro conta ben poco.Continuo a vomitare tutti i giorni sono circa cinque anni vorrei un aiuto!Non vorrei rovinare ulteriormente la mia vita e quella del mio ragazzo...che ho paura di perdere grazie

L'unico aiuto che posso darle è di continuare ad affrontare il suo problema con la psicoterapia. Nel suo caso non ci sono altre possibilità. Cerchi di far capire ai suoi genitori che la bulimia è una malattia e non un capriccio o cattiva volontà da parte sua. Reperisca materiale sui disturbi alimentari e li faccia leggere ai suoi genitori. Sicuramente lei ha bisogno di aiuto ma tramite il sito è assolutamente impossibile. Non sapendo in che città abita non posso darle indicazione di centri che si occupano di questi disturbi. Non perda tempo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

News Letters

0
condivisioni