Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo alimentare (7565)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 64 volte

Alice, 22 anni

Sostanzialmente mi rendo conto di avere un problema, ho dei chili di troppo che vorrei davvero perdere.
Un anno fa mi sono auto imposta un regime corretto alimentare che mi ha consentito di perdere molti chili ed ora che vorrei ritornare al rigore e alla costanza di quel periodo, non ci riesco.
Il tutto dura il tempo di arrivare a cena che è il momento critico, per quanto nella testa io mi ripeta esattamente quel che devo mangiare basta una minima briciola di un qualcosa di esterno a farmi impazzire e ritrovarmi a mangiare tantissimo,esageratamente,senza limiti e poi,sensi di colpa a nastro.
Mi impongo uno schema alimentare al mattino e se qualcosa fa si che lo schema si rompa,in qualunque momento, inizio a mangiare senza freni.
E poi sensi di colpa,corro su internet alla ricerca di diete,di esercizi,di consigli dimagranti.A volte uso lassativi e pur sapendo di quanto tutto questo sia sbagliato, non riesco ad impedirmelo.
Mi chiedo, cosa devo fare? Cosa c'è di sbagliato nella mia volontà di piacermi?


Alice, generalmente c'è una disistima profonda dietro a tutto questo e un rapporto conflittuale con se stessi. Questo in termini molto generici, ovviamente.
Poi ogni persona che soffre di disturbi alimentari ha i suoi motivi particolari per non riuscire ad amarsi, e la cosa migliore da fare in questi casi non sono tanto le diete, quanto un lavoro psicologico che porti ad individuare i motivi del malessere.
Quando vai su internet a cercare diete, prova anche a cercare articoli e quant'altro parli dei motivi che possono esserci alla base dei Distrubi Alimentari, oltre che cercare soluzioni. Poniti qualche domanda su di te e indaga nella tua psiche e nelle tue emozioni, e rivolgiti ad uno psicoterapeuta se ti è possibile.
Non isolarti in questo tuo problema, parlane, comunica, non ti nascondere. Comprati qualche libro a riguardo e cerca di considerare che i sintomi (come la bulimia e l'anoressia) sono l'espressione di un disagio e non il disagio stesso.
Quello, va cercato più all'interno. Il problema non è (o non solo) dimagrire o ingrassare, mangiare o non mangiare, ma il conflitto che viviamo all'interno di noi stesse, che appunto dobbiamo capire.
Il sintomo ci segnala che qualcosa non va al nostro interno, che la via che stiamo percorrendo non è corretta, e qualcosa probabilmente andrebbe cambiato.
Da un certo punto di vista (che a te verrà difficile capire) il sintomo è un'occasione. Un'occasione di crescita e/o di trasformazione. Bisogna fare in modo di poterne approfittare. Chiedi l'aiuto di uno psicoterapeuta e datti da fare.
.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters