Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo alimentare - paura di vivere (076100)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 118 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisabetta 25 anni, 17.09.2004

Ho 25 anni, sono femmina , da 3 anni convivo col mio ragazzo, ho madre anziana e un fratello più grande, mio padre è morto dopo malattia quando io avevo appena compiuto 5 anni (Di lui ricordo quasi nulla ma mi manca da morire e non accetto ancora la sua morte ho fatto finta per troppi anni che tutto andasse Bene!!!)...
Riceviamo un'educazione molto rigida per quanto riguarda i valori (Dignità, Onestà...)ma molto libera fisicamente (Giocare sempre senza guardare l'abito bello...)
Mia madre é "rimasta fedele a mio padre sempre" e quindi abbiamo vissuto solo con lei.
Dopo le scuole m'scrivo all'università ma mollo subito perchè non convinta, da allora cambio vari lavori senza mai perdonarmi di aver mollato l'università e aver deluso i miei; l'anno scorso dopo un anno di psicoterapia per disturbi d'ansia e strisciante depressione mollo lavoro e mi riscrivo, primo esame 30 (no meraviglia perchè sempre stata secchiona) e poi non studio più...
Ora cerco di nuovo lavoro ma insoddisfatta, mi sento inadatta a questa società frenetica e ho paura ad affrontare una nuova sfida di vita e lavoro...
Da 7 anni a questa parte continui sbalzi di peso: ingrassamento di 15 kg, poi ne perdo 25 e ne ho ripresi 30 e più, ora vorrei tornare pesoforma una volta per tutte ma in maniera equilibrata.
Faccio grandi abbuffate, ma mai vomitato o cose simili.
La psicoterapia mi ha preparata alla rinascita, ora sento che mi basterebbe il salto finale per liberarmi del mio passato e dei miei condizionamenti eppure sono ferma sul ciglio del burrone e non mi butto sto immobile ad osservare il mondo al di fuori di me, ho troppa paura, mi sento inadeguata eppure avrei un'energia interiore fortissima da donare la sento, ma molto spesso la reprimo, non me lo concedo così come non voglio concedermi la meritata felicità (cambiare, dimagrire, essere serena col mio compagno...)ma perchè?
A che mi serve sta Paura? E stare immobile sul passato? Non ho mai preteso niente nella vita, ma questa volta mi
farebbe molto piacere il vostro ascolto e la vostra opinione, Grazie!

Carissima Elisabetta, la tua è una bella domanda e non so se riuscirò a risponderti in modo esaustivo; oltre alla psicologia per risponderti bisognerebbe andare a frugare anche in ambito filosofico, sociale, antropologico….
Perché questa paura, dici tu; perché questa resistenza al cambiamento, perché vivere sempre sentendosi legati e con la sensazione di esprimere di sé solo una piccola parte….
Si tratta di una problematica vasta, che riguarda molte persone, ed uno dei motivi principali delle richieste di psicoterapia.
Su un piano prettamente psicologico, questo tipo di paura è generalmente legato ad insicurezze personali, dunque ad una valutazione di se stessi non così positiva che implica una profonda paura di sbagliare, quasi ci venisse richiesto di essere sempre perfetti e di dover corrispondere alle (alte) aspettative di chi ci circonda o, a guardar meglio, alle proprie aspettative interne, a volte sproporzionate, a volte determinate da un giudice severo che dentro se stessi la fa da padrone.
Perché succeda tutto questo non è facile a dirsi, anche perché naturalmente ogni persona è diversa dall’altra e i motivi possono quindi essere dei più svariati.
Certamente la morte di tuo papà, quando eri così piccola, può aver inciso non poco sulla costruzione di una figura interna sostitutiva e magari particolarmente esigente, che ti richiede “prestazioni” sempre di alto livello (è forse per questo che sei una “secchiona”?) e rispetto alla quale puoi sentirti sempre in qualche modo inadeguata.
La morte di un genitore quando non si ha ancora l’età per comprendere che la vita è anche questo, dolore e morte, può ingenerare sensi di colpa in chi rimane; soprattutto nella mente di un bambino, che può in qualche modo sentirsene responsabile.
E allora questo giudice severo interno invece di proteggere e indicarci la strada giusta da seguire può divenire un carceriere, impedendoci movimenti liberi ed autonomi.
Mi ha fatto pensare la tua frase “senza mai perdonarmi di aver mollato l'università e aver deluso i miei”…
Credo sia significativa e ti invito a considerare che ad un certo punto della vita è importante riuscire a prendere contatto con quelle che sono le proprie, personali, aspettative di vita, obiettivi, desideri ecc. oltre che con quelle dei propri genitori (i genitori interni, ovvero quelli interiorizzati, intendo; perché a volte sono differenti da quelli reali).
Insomma, crescere significa anche questo, seguire la propria strada anche se questo può comportare un cambiamento di direzione rispetto a quella genitoriale.
Si tratta di un passo difficile e spesso doloroso per chiunque, e certamente non da tutti.
Si tratta sicuramente di un passo ancor più difficile per te, che un papà reale contro il quale opporti, eventualmente, non ce l’hai e per questo puoi vivere come un tradimento ogni tuo passo che, presumibilmente, si discosti da quello che avrebbe desiderato per te tuo papà.
Anche una mamma che gli sia rimasta fedele e con dei principi così saldi e giusti può non essere di aiuto in questo.
Al di là di queste, che sono solo alcune considerazioni sulla tua situazione personale, voglio dirti che in generale l’essere umano teme il cambiamento; e che ad una rinascita interiore non sempre corrisponde, immediatamente, una trasformazione anche nella vita. Probabilmente hai bisogno di ancora un po’ di tempo per elaborare il tuo lutto e per comprendere bene quale sia la tua strada personale, e se fossi in te me lo concederei.
Sei giovane e puoi prenderti il tempo che ti serve per fare chiarezza in te.
Secondo me te lo devi…..E se non ci riesci allora potresti pensare di riprendere il lavoro psicoterapeutico che, mi sembra, ha avuto buoni esiti, nonostante sia stato relativamente breve.
P.S. Non sono molte le persone che si sentono all’altezza di questa società frenetica. E non tutte credo che lo siano, nel senso che ci sono lavori e attività che non devono per forza fare i conti con i tempi accelerati del sociale, o perlomeno non quanto altri lavori. Credo insomma che anche in questa nostra difficile società ci sia dello spazio per chi invece di correre e rincorrere ami semplicemente camminare.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni