Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo dell'alimentazione (015177)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 66 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara, 32 anni

Il mio e' un problema sorto principalmente con lo smettere di fumare dopo la 2°gravidanza.Ho sempre fame cerco di controllarmi ma non ci riesco.La conseguenza e' che il mio peso aumenta di continuo in 6 mesi ho preso circa 10kg , vivo perennemente sensi di colpa con me stessa.Penso al cibo e al fatto che devo mettermi a dieta da quando mi alzo alla mattina a quando vado a letto alla sera e a volte anche alla notte.
Quello che non capisco e' cosa e' cambiato in me ? Sono una persona forte,purtroppo la vita e' stata abbastanza dura fino ad ora e io sono sempre andata avanti e ho sempre reagito a tutto ,perche' a questo non riesco ?
Perche' mi faccio del male da sola , mettendomi ogni giorno a dieta fino alle 18.00 poi arrivo a casa e la prima cosa che faccio e' aprire il frigo oppure finire tutto cio' che i miei bimbi non mangiano ? Sono al limite della sopportazione quello che piu' mi da fastidio e' che inizio a detestarmi e di questo ne risentono anche le persone che mi sono vicinecompresi i miei figli. Mi rendo conto che la sigaretta era forse molto di piu' di un vizio ,ma rappresentava davvero uno sfogo magari inconsapevole! Però la forza di smettere l'ho avuta allora perche' non riesco anche con il cibo ad essere cosi' determinata ?

Cara Barbara, l'appetito è un'istinto primario, fumare no. Sicuramente l'alimentazione è strettamente correlata con l'affettività (anche a livello celebrale) ed al mondo delle relazioni.
Infatti la fame compulsava è spesso abbinata a cibi ricchi di carboidrati, ovvero cibi che attraggono i bambini. Essi danno un certo senso di soddisfazione psichica grazie al fatto che stimolano sostanze endorfiniche da parte del cervello.
Questa produzione, però, ben presto si lega all'ingestione di questo tipo di cibo che innesca una vera e propria dipendenza.
L'aggravante è dato alla mancanza di relazioni piene e affettivamente soddisfacenti.
E' proprio in quest'ultimo particolare che interviene lo psicoterapeuta.

( risponde il dott. Vincanzo di Marco )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia / bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni