Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Fame compulsiva (009232)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 93 volte

Michela, 28 anni

Salve,
il mio problema è che sto scaricando le insoddisfazioni che ho nel mio cuore sul cibo e non essendo magra di natura e avendo anche problemi ginecologici che mi portano ad assumere 2 pillole, sto ingrassando a vista d'occhio, tanto che adesso me lo
fanno notare anche al lavoro.
Ho sempre convissuto con il problema dei chili e purtroppo dovevo stare a dieta ferrea per avere una linea normale (sono alta 1,62 ed ho sempre pesato 63/65 kili, mentre con le diete arrivavo a 59/60). Alternavo quindi periodi di abbuffate( senza vomito), a periodi di controllo durante l'adolescenza, poi ho cominciato ad alimentarmi in modo più sano e a dimagrire anche facendo una vita normale (ma fatta di controllo). Capita però spesso che questo lasciarmi andare e mangiare ogni cosa, dolce e salata, che abbia fame o no, è come se fosse un modo per premiarmi delle sofferenze e l'unico piacere che posso procurami.
Non mi consolo ne' con lo shopping , ne' con le uscite. In questo periodo mi sento insoddisfatta e meno propensa a curarmi, non sono fidanzata, non mi piace nessuno, esco da brutte storie e non voglio soffrire, non sto conoscendo gente nuova, lavoro tanto e quando esco frequento sempre le stesse persone anche se vivendo in una città nuova le conoscenze dovrebbero allargarsi.
Sono simpatica e solare, non sono timida, ma credo che essendo così robusta (peso 69 kili) nessun ragazzo si avvicinerà a me. Il lavoro lo faccio perchè devo, ma non mi entusiasma, la vita è difficile, non ho altri affetti come la famiglia o un ragazzo e spesso quello che metto in bocca mi serve per provare un po' di gusto ad andare avanti.
invece di lamentarmi ed essere depressa spesso sono iperattiva e do un'impressione (che poi è il mio stato interiore) di pace col mondo, al lavoro alle mie colleghe dico che frequento un ragazzo perchè mi vergogno a dire che sono sola e non vorrei che loro mi cercassero l'uomo ad ogni costo. Grazie se potete darmi qualche consiglio e aiuto siete molto utili.

Cara Michela, le sue abbuffate senza motivo possono servirle come gratificazione per altre mancanze che l'affliggono, ma sono al contempo delle punizioni che lei infligge a se stessa.
Lei sa che mangiando ingrassa e questo non la farà sentire bene. Considerando che è una vita che sta attenta all'alimentazione potrebbe vivere il mangiare come una ribellione, un contravvenire alle regole. Questo probabilmente è l'unico sgarro che lei permette a se stessa? Per il resto "deve" far vedere a tutti che sta bene e non ci sono problemi.
Altra autopunizione, nessuno mai potrà comprenderla per quella che è. E' paradossale perchè lei con il mangiare si premia dalle sofferenza, come scrive, ma infliggendosi altre sofferenze. Sarebbe importante se lei aiutasse realmente se stessa chiedendo un sostegno a qualcuno che l'aiuti a comprendere qual'è il meccanismo profondo che la spinge a fare ciò che in realtà non vorrebbe. Un saluto

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

News Letters