Pubblicità

Fame compulsiva (009232)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 120 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michela, 28 anni

Salve,
il mio problema è che sto scaricando le insoddisfazioni che ho nel mio cuore sul cibo e non essendo magra di natura e avendo anche problemi ginecologici che mi portano ad assumere 2 pillole, sto ingrassando a vista d'occhio, tanto che adesso me lo
fanno notare anche al lavoro.
Ho sempre convissuto con il problema dei chili e purtroppo dovevo stare a dieta ferrea per avere una linea normale (sono alta 1,62 ed ho sempre pesato 63/65 kili, mentre con le diete arrivavo a 59/60). Alternavo quindi periodi di abbuffate( senza vomito), a periodi di controllo durante l'adolescenza, poi ho cominciato ad alimentarmi in modo più sano e a dimagrire anche facendo una vita normale (ma fatta di controllo). Capita però spesso che questo lasciarmi andare e mangiare ogni cosa, dolce e salata, che abbia fame o no, è come se fosse un modo per premiarmi delle sofferenze e l'unico piacere che posso procurami.
Non mi consolo ne' con lo shopping , ne' con le uscite. In questo periodo mi sento insoddisfatta e meno propensa a curarmi, non sono fidanzata, non mi piace nessuno, esco da brutte storie e non voglio soffrire, non sto conoscendo gente nuova, lavoro tanto e quando esco frequento sempre le stesse persone anche se vivendo in una città nuova le conoscenze dovrebbero allargarsi.
Sono simpatica e solare, non sono timida, ma credo che essendo così robusta (peso 69 kili) nessun ragazzo si avvicinerà a me. Il lavoro lo faccio perchè devo, ma non mi entusiasma, la vita è difficile, non ho altri affetti come la famiglia o un ragazzo e spesso quello che metto in bocca mi serve per provare un po' di gusto ad andare avanti.
invece di lamentarmi ed essere depressa spesso sono iperattiva e do un'impressione (che poi è il mio stato interiore) di pace col mondo, al lavoro alle mie colleghe dico che frequento un ragazzo perchè mi vergogno a dire che sono sola e non vorrei che loro mi cercassero l'uomo ad ogni costo. Grazie se potete darmi qualche consiglio e aiuto siete molto utili.

Cara Michela, le sue abbuffate senza motivo possono servirle come gratificazione per altre mancanze che l'affliggono, ma sono al contempo delle punizioni che lei infligge a se stessa.
Lei sa che mangiando ingrassa e questo non la farà sentire bene. Considerando che è una vita che sta attenta all'alimentazione potrebbe vivere il mangiare come una ribellione, un contravvenire alle regole. Questo probabilmente è l'unico sgarro che lei permette a se stessa? Per il resto "deve" far vedere a tutti che sta bene e non ci sono problemi.
Altra autopunizione, nessuno mai potrà comprenderla per quella che è. E' paradossale perchè lei con il mangiare si premia dalle sofferenza, come scrive, ma infliggendosi altre sofferenze. Sarebbe importante se lei aiutasse realmente se stessa chiedendo un sostegno a qualcuno che l'aiuti a comprendere qual'è il meccanismo profondo che la spinge a fare ciò che in realtà non vorrebbe. Un saluto

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni