Pubblicità

Fame nervosa-aumento di peso (006593)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 111 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna Di Giorgio, 39 anni

Buongiorno,esattamente un anno fa ho iniziato ad aumentare di peso,causa una fame nervosa che mi prende la sera,e cosi da un peso per me ottimale di 51 kg,ora mi ritrovo a pesarne 58,ho provato ad andare da una dietologa la quale mi ha mandata da una psicologa,con la quale dopo averle detto un pò i miei problemi di stess mi ha consigliato di assumere un antidepressivo.
Iniziava ad andare meglio,ma in coincidenza alle mestruazioni e all'assunzione di altri medicinali,mi sentivo che qualcosa non andava,siccome il tutto è successo il mese di agosto,ho deciso di testa mia di sospendere il medicinale prescrittomi,ho tel.alla dotoressa a settembre,la risposta è stata provi ad andare avanti,la cura che ha fatto è troppo breve,ma dovendo prendere gli altri medicinali,ogni mese ci ritroveremmo nella stessa situazione.
Io così mi vedo brutta vorrei perdere peso,ma è un un cechi..so che fino a quando non vedrò scendere un pò la bilancia il mio nervosismo aumenterà,..cosa posso fare?devo inoltre perdere peso anche per dei problemi alla schiena...grazie

Cara Anna, la prescrizione di un antidepressivo per la fame nervosa è una buona idea, oggi esistono nuove molecole che agiscono sulla ricaptazione selettiva della serotonina (un neurotrasmettitore cerebrale coinvolto nei meccanismi compulsivi), molto efficaci per la cura dei disturbi alimentari, e con pochissimi effetti collaterali.
Tuttavia gli antidepressivi triciclici hanno un tempo di azione molto lungo, iniziano a fare effetto dopo tre settimane di assunzione e non vanno sospesi mai di colpo, ma gradualmente sotto controllo medico.
Probabilmente le informazioni che le sono state date sulla modalità di assunzione del farmaco e sui suoi effetti collaterali erano incomplete o imprecise. Il periodo mestruale non interferisce con l'azione del farmaco, nè questo ha interazioni con altri farmaci (che non siano psicofarmaci della stessa famiglia).
Dunque per rispondere alla sua domanda le consiglierei di rivolgersi di nuovo a un dietologo, come primo step, poi se ritenesse opportuno avere un parere di tipo psicologico, le consiglierei di rivolgersi ad uno psichiatra specializzato in disturbi compulsivi (come i DCA), per la prescrizione del farmaco.
Gli psicologi e gli psicoterapeuti non sono medici, dunque non possono prescrivere farmaci. Gli psicofarmaci sono una categoria di farmaci la cui prescrizione richiede una particolare preparazione medica, chiunque le prescriva psicofarmaci che non sia psichiatra fa qualcosa di illegale.
Per qualunque altra domanda può riscrivermi.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni