Pubblicità

Figlia (119)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 169 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna 50 anni, 27.11.2002

Temo di aver riconosciuto in una delle lettere a voi inviate mia figlia (Camilla n.53518)anche se il vero nome e` diverso e non tutti i particolari collimano, manca qualsiasi accenno al fratello, per esempio.
Se cosi` fosse per me e` veramente angosciante, perche`, pur amando tantissimo sia io sia il papa` la nostra bambina non ci siamo accorti di quel che le sta capitando.
Io non mi sono mai accorta che mia figlia vomitasse, nonostante stia molto a casa con noi ( ma certo non la seguo in bagno...), a me risulta che un ragazzo ci sia, ma in effetti non si vedono poi tanto e lei alla sera rientra sempre presto (altra bugia?, ci dice di uscire con lui e sta sola ?).
Il mio impulso e` stato di parlarle, chiedere se era lei e parlare anche al papa`; poi mi sono chiesta: a che titolo se sono stata una madre tanto incapace ? Ho il diritto ora di inteferire? E se mi sbaglio? Voi che pensate, devo tentare di affrontare l'argomento o sperare che sia lei a parlarmi ( magari leggendo qui la mia lettera e capendo?). Grazie se vorrete darmi un consiglio, sono veramente in ansia.

Credo che con le dovute cautele lei debba tentare di affrontare il discorso con sua figlia senza aspettare che sia lei a farlo. Sicuramente non sarà facile, sua figlia molto probabilmente tenderà a negare ma non si scoraggi, le parli con franchezza e con affetto senza essere intrusiva o rigida.
Non deve necessariamente far riferimento alla lettera che forse sua figlia ha scritto a Psiconline ma prendere spunti da ciò che osserva nella vita di tutti i giorni. Le faccia sentire che può comprenderla e che può aiutarla e che se ci sono dei problemi è bene affrontarli subito prima che la situazione si complichi ulteriormente.
Le suggerisco, intanto di leggere il manuale di auto-aiuto di Riccardo Dalle Grave "Alle mie pazienti dico...." Ed. Positive press per informarsi sui disturbi del comportamento alimentare. Non nasconda il libro alla vista di sua figlia che vedendola interessata a questi argomenti potrebbe essere invogliata a parlarle.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni