Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il mio stato d'animo (007456)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 56 volte

Elena, 23 anni

Buongiorno ringrazio innanzitutto chi mi risponde!
il mio problema beh c'e ne sono molto partiamo dal presuspposto che io gia ho fatto un ciclo di psicoanalisi!
all'inizio sembrava che qualcosa volesse cambiare in effetti mi sentivo trasformata, priva di qualsiasi paura ora invece a distanza di aqualche anno sto ricadendo in quel tunnel orrendo che mi perseguitava tempo fa!
I miei problemi sono nati quando ero piccola precisamente quando avevo sette anni si perche per 4 anni di seguito subito violenze sessualai da mio nonno, questa esperienzami ha fatto chiudere in me stessa avendo paura diqualsiasi cosa anche di un abbraccio di un padre affettuoso coome il mio che con il tempo per la mia freddezza ho allontanato, ora sembriamo cane egatto, poi c'e stata l'adolescenza io mi sentivo un po come il leopardi cioe vivevo perche sapevo ke un giorno sarei morta, vedevo le altre ragazze ridere scherzare e giocre senzw a problemi io mi chiudevo in me stessa mangiavo e guardavo solo e sempre la tele.
Sono ingrassata ero un quintale e dieci, ero gelosa di mia sorella perche lei era magra bella e sopratutto nn aveva subito cio che avevo subito io!
stavo male ma non reaggivo!!! mio padre in tuto questo nn faceva altro che chiedermi cosa avessi ma io nngli ho mai detto nulla!!! ora ho 23 anni sono dimagrita ho un ragazzo ma sto ricadendo in quel tunnel brutto mangio e vomito per paura di ingrassare che devo fare??? aiutatemi in oltre il mio rapporto con mio padre e pessimo!!!!! grazie elena



Elena, se hai già fatto un po' di lavoro su di te, non posso che consigliarti di continuare.
Evidentemente non hai risolto tutto quello che c'era da risolvere, e forse ora hai bisogno di una piccola spinta per fare altri passi. La tua è una storia complessa...e dolorosa; credo che il luogo più giusto dove portarla sia dove c'è qualcuno che puoi guardare negli occhi e che può guardare nei tuoi.
Per te che hai già fatto un bel pezzo di percorso, quello che posso dire io da qui, sapendo poche righe di te, con tutta probabilità lo sai già.
Ti consiglierei di cambiare terapeuta, ma se chi ti ha seguita in passato gode ancora della tua fiducia e non senti il bisogno di confrontarti con una nuova persona, torna da lui/lei.
Non aspettare. A volte basta poco per rientrare nei giusti binari.

 

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters