Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il mio stato d'animo (007456)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 65 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 23 anni

Buongiorno ringrazio innanzitutto chi mi risponde!
il mio problema beh c'e ne sono molto partiamo dal presuspposto che io gia ho fatto un ciclo di psicoanalisi!
all'inizio sembrava che qualcosa volesse cambiare in effetti mi sentivo trasformata, priva di qualsiasi paura ora invece a distanza di aqualche anno sto ricadendo in quel tunnel orrendo che mi perseguitava tempo fa!
I miei problemi sono nati quando ero piccola precisamente quando avevo sette anni si perche per 4 anni di seguito subito violenze sessualai da mio nonno, questa esperienzami ha fatto chiudere in me stessa avendo paura diqualsiasi cosa anche di un abbraccio di un padre affettuoso coome il mio che con il tempo per la mia freddezza ho allontanato, ora sembriamo cane egatto, poi c'e stata l'adolescenza io mi sentivo un po come il leopardi cioe vivevo perche sapevo ke un giorno sarei morta, vedevo le altre ragazze ridere scherzare e giocre senzw a problemi io mi chiudevo in me stessa mangiavo e guardavo solo e sempre la tele.
Sono ingrassata ero un quintale e dieci, ero gelosa di mia sorella perche lei era magra bella e sopratutto nn aveva subito cio che avevo subito io!
stavo male ma non reaggivo!!! mio padre in tuto questo nn faceva altro che chiedermi cosa avessi ma io nngli ho mai detto nulla!!! ora ho 23 anni sono dimagrita ho un ragazzo ma sto ricadendo in quel tunnel brutto mangio e vomito per paura di ingrassare che devo fare??? aiutatemi in oltre il mio rapporto con mio padre e pessimo!!!!! grazie elena



Elena, se hai già fatto un po' di lavoro su di te, non posso che consigliarti di continuare.
Evidentemente non hai risolto tutto quello che c'era da risolvere, e forse ora hai bisogno di una piccola spinta per fare altri passi. La tua è una storia complessa...e dolorosa; credo che il luogo più giusto dove portarla sia dove c'è qualcuno che puoi guardare negli occhi e che può guardare nei tuoi.
Per te che hai già fatto un bel pezzo di percorso, quello che posso dire io da qui, sapendo poche righe di te, con tutta probabilità lo sai già.
Ti consiglierei di cambiare terapeuta, ma se chi ti ha seguita in passato gode ancora della tua fiducia e non senti il bisogno di confrontarti con una nuova persona, torna da lui/lei.
Non aspettare. A volte basta poco per rientrare nei giusti binari.

 

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters