Pubblicità

Insoddisfazione-alimentazione( 015245)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 128 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Katia, 35 anni
Da parecchio tempo ormai soffro di profonde crisi, vivo una situazione familiare-economica molto disagiata. Da un anno a questa parte sono ingrassata di dieci chili, visto che mangio in maniera smodata e di tutto. Fino all'anno scorso evitavo di mangiare tutto ciò che poteva farmi male o farmi ingrassare, ora non riesco più.
Credo sia per il fatto che l'unico piacere che provo nella mia triste vita è quello di cibarmi. Sono consapevole delle mie debolezze ma soprattutto dei miei limiti, la questione economica è la più tragica, altrimenti potrei anche ricorrere a cure estetiche, ma non posso permettermele. La cosa strana è che ogni mattina mi alzo pensando e dicendo a me stessa: ora basta, da oggi mangio meno. Ma una volta aperto uno sportello... è un mangiare continuo, senza fermarmi, malgrado mentre mangio penso che la devo smettere.
Non so più che fare, ora mi sento brutta e non mi va più di relazionarmi con la gente, non sto più bene nè con me stessa nè con gli altri. Ho provato a correre ma purtroppo dovrei operarmi ai legamenti crociati, i dolori non mi permettono di correre. Che fare? Come posso uscire da questa spirale? Spero qualcuno possa darmi un consiglio valido per risolvere una volta per tutte questo mio grosso problema.

Cara Katia, per risolvere una volta per tutte questo problema in genere non basta un consiglio....ma non si sa mai. Certamente per risolvere il tuo problema non servono le cure estetiche, che sono solo dei paliativi. Il tuo non è, ovviamente, un problema estetico, ma un problema psicologico. E lo risolverai quando riuscirai a non avercela più tanto con te stessa, quando non ti boicotterai più e non dovrai più trattarti male e punirti.
Solo quando avrai fatto i conti con la problematica psichica, o meglio direi il conflitto, che ti costringe a non fare ciò che vuoi o viceversa, solo allora risolverai anche le tue problematiche legate al cibo e al corpo. Per piacerti da fuori, devi piacerti dentro. Perciò fai tutto quello che senti possa farti stare meglio dal punto di vista corporeo, ma soprattutto inizia a focalizzarti di più sul tuo interno, sulla tua psiche, le tue paure, la rabbia, il rifiuto.... Comprati libri sull'argomento e inizia ad approfondire, e vedi se ci sono strutture pubbliche dove puoi chiedere un'aiuto, senza spendere troppi soldi.

 

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters

0
condivisioni