Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Insoddisfazione-alimentazione( 015245)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 105 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Katia, 35 anni
Da parecchio tempo ormai soffro di profonde crisi, vivo una situazione familiare-economica molto disagiata. Da un anno a questa parte sono ingrassata di dieci chili, visto che mangio in maniera smodata e di tutto. Fino all'anno scorso evitavo di mangiare tutto ciò che poteva farmi male o farmi ingrassare, ora non riesco più.
Credo sia per il fatto che l'unico piacere che provo nella mia triste vita è quello di cibarmi. Sono consapevole delle mie debolezze ma soprattutto dei miei limiti, la questione economica è la più tragica, altrimenti potrei anche ricorrere a cure estetiche, ma non posso permettermele. La cosa strana è che ogni mattina mi alzo pensando e dicendo a me stessa: ora basta, da oggi mangio meno. Ma una volta aperto uno sportello... è un mangiare continuo, senza fermarmi, malgrado mentre mangio penso che la devo smettere.
Non so più che fare, ora mi sento brutta e non mi va più di relazionarmi con la gente, non sto più bene nè con me stessa nè con gli altri. Ho provato a correre ma purtroppo dovrei operarmi ai legamenti crociati, i dolori non mi permettono di correre. Che fare? Come posso uscire da questa spirale? Spero qualcuno possa darmi un consiglio valido per risolvere una volta per tutte questo mio grosso problema.

Cara Katia, per risolvere una volta per tutte questo problema in genere non basta un consiglio....ma non si sa mai. Certamente per risolvere il tuo problema non servono le cure estetiche, che sono solo dei paliativi. Il tuo non è, ovviamente, un problema estetico, ma un problema psicologico. E lo risolverai quando riuscirai a non avercela più tanto con te stessa, quando non ti boicotterai più e non dovrai più trattarti male e punirti.
Solo quando avrai fatto i conti con la problematica psichica, o meglio direi il conflitto, che ti costringe a non fare ciò che vuoi o viceversa, solo allora risolverai anche le tue problematiche legate al cibo e al corpo. Per piacerti da fuori, devi piacerti dentro. Perciò fai tutto quello che senti possa farti stare meglio dal punto di vista corporeo, ma soprattutto inizia a focalizzarti di più sul tuo interno, sulla tua psiche, le tue paure, la rabbia, il rifiuto.... Comprati libri sull'argomento e inizia ad approfondire, e vedi se ci sono strutture pubbliche dove puoi chiedere un'aiuto, senza spendere troppi soldi.

 

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni