Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Iperfagia o mangiare esasperato (078030)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 115 volte

Annalisa, 23 anni

Salve, sono una ragazza di 23 anni di Bologna che vive da quasi 4 anni all'estero studiando fuori maggiormente in Gran Bretagna e ora in Spagna e Germania. Il mio problema è il mangiare senza controllo come appagamento emotivo, ma che ora è diventato più un'abitudine e non mi da più soddisfazione.. Sono alta 1,73 cm e peso 80kg e vedo che peggioro sempre. I dolci e gli snack salati sono prevalenti, ma non mi appagano piú ma sono diventati come una droga e non so più farne a meno. Mi sento spesso sola, sono single, mi manca l'affetto di un ragazzo, la mia famiglia mi è vicina, anche se io sono sempre via.
Ho orari sballati di alimentarmi e stando via devo affrontare problemi quotidiani di convivenza con altri, organizzativi, di clima, mentalitá diverse, tempo, e altro... Non mi piaccio per niente cosi´, la mia autostima non è mai stata molto alta e non pratico tanto sport, ma sono cosciente del problema e vorrei provare ad uscirne. Non ci sarebbe qualche consiglio che mi possiate dare, oltre a una dieta dove si contano le calorie che non ha funzionato.

Cara Annalisa, ovviamente il consiglio che può darti uno psicoterapeuta non può che riguardare una questione psicologica, e se tu scrivi a questo sito piuttosto che rivolgerti ad un dietologo o ad un alimentarista, significa che sai già, almeno da una qualche parte di te stessa, che è sul versante psicologico che devi intervenire per aiutarti. In particolare credo che tu abbia colto bene, e da sola, quali siano gli ambiti della tua vita che non ti soddisfano e che si trasformano, come accade spesso, in un modo di alimentarsi compulsivo o comunque sbagliato.
L’autostima (o meglio la mancanza di autostima), Annalisa, è di solito il motore che “alimenta” certe modalità di assunzione di cibo; e l’appagamento emotivo (o affettivo) ne è un corollario. Non piacersi, non amarsi abbastanza o stimarsi sono condizioni che stanno alla base (e non sono conseguenze) di un mangiare disordinato, o se vuoi, dell’utilizzo del cibo come “sedativo”. Sono anche alla base delle relazioni affettive, perché ovviamente una persona che non si considera bella e amabile troverà difficoltà a farsi amare dagli altri e a vivere, in generale, relazioni soddisfacenti. Credo quindi Annalisa che non sia il caso di rivolgersi ancora alle diete per cambiare, ma che sia arrivato il momento di affrontare il problema alla sua radice, ricercando i motivi che hanno determinato questa tua interna disistima e che ti costringono a scontrarti quotidianamente (attraverso il cibo) con essa. Credo che una psicoterapia potrebbe essere un’ottima strada da prendere in considerazione per uscire da questo problema che sembra autoalimentarsi. Mi rendo conto che forse non sei nella condizione migliore per intraprendere questo tipo di lavoro, che richiede costanza e frequenza.
Se così dovesse essere, perché intanto non provi ad informarti attraverso i libri di psicologia (innumerevoli sull’argomento Disturbi Alimentari) sulle cause interne che generalmente portano a perdere il controllo del cibo? Non dico che possano essere risolutivi o curativi, ma possono darti alcuni spunti di riflessione interessanti e forse anche degli strumenti nuovi per affrontare te stessa e la tua condizione. Quando capiti in Italia, potresti fare un salto in una libreria con un fornito reparto di psicologia, e farti attirare dai libri che più senti riguardarti.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si ...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (in...

News Letters