Pubblicità

La mia vita da bugiarda(014937)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 115 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa, 24 anni
Sono una ragazza di 24 anni, piena di paure. Chi mi conosce pensa che io sia in gamba, mi dipingono bella, intelligente, sempre piena di iniziative. Mi sono costruita un alter ego fin da bambina. In realtà sono indecisa, fragile e malata. Sono bulimica, da non so più quanti anni, non se ne accorge nessuno, o meglio, pensano che io sia golosa. Ho iniziato a prendere lassativi e pillole per dimagrire circa 10anni fa, con il risultato di rovinarmi la salute. Oggi soffro di intestino irritabile, alterno grandi abbuffate a periodi di dieta ferrea, dovute al mio stare davvero malissimo. Due anni fa mi sono iscritta alla facoltà di psicologia, per capirmi meglio, ma non so se è la strada migliore. Infine, per non farmi mancare niente, ho una relazione solo telefonica con un uomo sposato di 40 anni, a cui ho detto centinaia di bugie sul mio aspetto fisico e sulla mia vita. Ci amiamo, ma so benissimo che non è così che deve essere l'amore. Il problema è che non riesco a fare a meno di lui, e certo non mi aiuta il fatto di essere così importante per lui (il suo matrimonio è in crisi). Se mi guardo da fuori so benissimo quali sono i miei sbagli, dovrei stimarmi di più e decidere di vivere una vita vera, invece di fare l'attrice. Non so perché ho paura. anche di cambiare lavoro, di trovare l'amore vero (sono vergine e non ho mai baciato nessuno). Se mi guardo allo specchio vedo una donna che mi fa pena e che non vorrei nel mio corpo. Ma c'è , la parte peggiore di me.


Cara Elisa,l'essere umano è fatto di tante sfaccettature, non credere mai che esistano al mondo persone vere, trasparenti con personalità definite al cento per cento.L'uomo è un essere complesso semplicemente perchè così è più adatto a sopravvivere.Le varie personalità che convivono in un individuo sono come dei programmi pronti ad aiutarci al momento opportuno.Anche fingere fa parte del nostro DNA, persino l'inganno.La duttilità, quindi, è la risposta vincente, quando il nostro futuro è pieno di incertezze.Detto questo, però, se manca l'autostima ( ovvero amor proprio), queste personalità entrano in conflitto dando parecchi problemi.Nel caso tuo il problema è profondo, probabilmente dovuto a carenze affettive o di stima da parte dei genitori. Catene che si trasmettono di generazione in generazione.Qui sono in gioco le tue competenze nello stabilire delle relazioni vere e significative. E' il tuo nucleo più profondo, che deve provare a sciogliersi.Con tutta sincerità questo lo può fare solo uno psicoterapeuta, con una terapia di una certa durata.Ti saluto cordialmente

 

( risponde il dott.re Vincenzo Di Marco )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni