Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Mangiatori compulsivi (002199)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 118 volte

Gioia, 31 anni

E' vero che esistono i mangiatori compulsivi? Quali sono le caratteristiche cliniche del disturbo? Io ho paura... a volte non ho il controllo, anzi spesso, molto spesso e poi non vomito, non sono bulimica, ho appena mangiato una confezione di pane a fette... una confezione intera, e a pranzo avevo mangiato... normalmente. Tanto quanto gli altri. E mi succede sempre più spesso ultimamente, non voglio che il cibo prenda il sopravvento sulla mia vita perchè comunque io non avevo fame, non era appetito quello che mi ha portato a mangiare quel pane... ne sono sicura. Che fare?

Cara Gioia, i mangiatori compulsivi che non adottano condotte di eliminazione come lei, sono bulimici. La bulimia può essere nella forma con vomito e abuso di lassativi e diuretici, oppure senza. La differenza tra le due forme è solo nel risultato: chi adotta condotte di eliminazione tende a non acquistare peso, chi invece non le adotta è soggetto ad incremento ponderale e maggiore intensità del senso di colpa, che nell'altro caso viene annullato dal vomito autoindotto (con relative complicazioni di natura organica).
Il motivo che la spinge a mangiare quando non ha fame trova le radici nell'inconscio: mangiare significa masticare, dunque mordere, sfogando così anche dell'aggressività che non si riesce a controllare e a sfogare in un modo alternativo, riempire la bocca, dunque impedirsi di parlare, magari per dire cose considerate impossibili da comunicare, oppure trasgredire, semplicemente perchè ci si impone regole troppo rigide che poi non si riesce a rispettare, e si infrangono senza controllo. La base comune di chi come lei mangia in modo compulsivo sta nella "perdita di controllo" che poi genera il forte senso di colpa. Forse sarebbe il caso di indagare sulle motivazioni profonde che la spingono a voler controllare l'emergere delle sue emozioni. Così come non si possono controllare i sogni, fatti principalmente di emozioni sotto forma di immagini, non si possono nemmeno controllare le emozioni. Con una psicoterapia mirata potrà imparare a riconoscerle e ad accettarle, quindi ad esprimerle in un modo adeguato, senza reprimerle.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia e bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters