Pubblicità

Mio figlio ha problemi con il cibo (147434)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 445 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gabriella 40

SALVE! Mio figlio di 8 anni ha dei seri problemi col cibo, nel senso che non riesce ancora a mangiare il secondo a pezzettini. Per fargli mangiare una fettina di carne, il pollo o il pesce devo ridurglielo in poltiglia e mescolarlo con la pasta, così come facevo quando ho cominciato lo svezzamento ed il discorso vale anche per le verdure, mentre la frutta la rifiuta a priori. Ho l'impressione che lui stia conducendo una sorta di battaglia con me e con tutti coloro che cercano di fargli capire che alla sua età non si mangia più così. Preciso che mangia solo ed esclusivamente determinati cibi e non va oltre quelli. Devo anche precisare che il bambino viene fuori da una separazione e probabilmente questo ha influito molto. C'è qualche cosa che posso fare per educarlo ad una corretta alimentazione senza intraprendere ogni volta una lotta dove io ne esco sempre sconfitta?? Grazie per l'attenzione che vorrete dedicarmi.

Carissima Gabriella, capisco quanto deve essere doloroso e frustrante non riuscire a nutrire il tuo bambino...probabilmente come hai detto tu la situazione che sta vivendo (separazione) lo fa sentire a sua volta proprio addolorato, frustrato ed impotente. Forse cerca di farti capire come si sente facendoti provare i suoi stessi sentimenti attraverso queste battaglie usando il cibo come mezzo...non lo fa di proposito ma inconsapevolmente. Quando ci sono delle situazioni critiche e dei cambiamenti nella vita quotidiana così importanti come una separazione, un trasferimento ecc.. e nel bimbo si notano cambiamenti o comportamenti insoliti o bizzarri è necessario chiedere un supporto concreto di tipo psicologico e psicoeducativo ad esperti del settore, Sono molto contenta che tu abbia chiesto a noi e sarei molto più contenta se riuscissi a farti aiutare da psicologi esperti d'infanzia. Certo è che bisogna prima di tutto escludere che vi sia una problematica FISIOLOGICA, facendo degli approfondimenti a livello fisico grazie al supporto del pediatra! E' molto importante chiedersi prima di tutto se il bimbo non ha problemi corporei che gli impediscono di nutrirsi in un certo modo, e solo dopo gli esami fisici, passare al problema psicologico. Penso proprio che troverai un professionista esperto ed insieme riuscirete a risolvere questa situazione!

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni