Pubblicità

Nervosismo a mille (003678)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 141 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angy, 25 anni

Buongiorno a tutti, io se è possibile vorrei cercare di risolvere il mio problema, che non è molto semplice. Ogni volta che mi siedo a tavola o vado a mangiare qualche cosa incomincio a sudare e mi affogo con il mangiare, o meglio mi sembra di affogarmi e poi non riesco più a mangiare. Medicine non ne posso prendere perchè sono incinta di 6 mesi, ho già un'altro bimbo di 2 anni che è la mia vita e un marito che sta cercando di aiutarmi in tutti i modi quindi non so più cosa fare. Aspetto un aiuto da parte vostra e intanto vi ringrazio anticipatamente.

Cara Angy, dalla sua descrizione del problema non è chiara la sua condizione fisica, penso che essendo in attesa, avrà un ginecologo che tiene sotto controllo il suo stato di salute. Sicuramente la gravidanza gioca un ruolo importante nel suo disturbo: sembra che questa condizione le crei un forte stato di ansia. Il mio consiglio è di rivolgersi al suo ginecologo domandando a lui di indicarle un bravo psicoterapeuta che la aiuti a vivere questi mesi con più tranquillità. Non mi sembra opportuno tuttavia che lei intraprenda un percorso terapeutico proprio in questo momento, magari potrà farlo più avanti, quando il bambino sarà nato. Per ora ha bisogno solo di un buon sostegno, oltre a quello prezioso di suo marito. Ci faccia sapere!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni