Pubblicità

Obesità (165846)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 505 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni, 35 (165846)

La mia Storia: Buongiorno
vi scrivo per una problematica che ha preso il sopravvento su di me da circa 4 anni che è l'ingrassare di proposito. Premetto che fino a 4 anni fa ero normopeso, e ho sempre tenuto sotto controllo la cosa, fino a quando un bel giorno ho ceduto e ho iniziato a sovra alimentarmi per vedere cosa succedeva. I chili hanno cominciato a crescere piano piano, fino a raggiungere i 145 dai 75 che ero 4 anni fa, senza badare a tutte quelle persone che mi chiedevano cosa stava succedendo.
La cosa che ora mi fa più paura è che proprio non riesco a fermarmi, ogni chilo preso è addirittura uno stimolo a continuare.
Ora una parte di me dice di fermarmi per gli ovvi problemi di salute che prima o poi arriveranno, ma l'altra invece mi esorta a continuare. Potrei intraprendendo una psicoterapia provare a risolvere questo problema?
Grazie!

Gentile Giovanni, il primo passo lo ha fatto: chiedere aiuto. Badi bene: non ha chiesto aiuto ad un dietologo o ad un nutrizionista, ma ad uno psicologo. Questo dimostra già come lei si renda bene conto che il problema non è nel cibo ma nella motivazione che è alla base di questo suo abuso del cibo stesso al fine di aumentare sempre più di peso. Ovviamente questo è solo un suo primo approccio al problema letto in chiave psicologica. Adesso deve fare gli altri, indispensabili, passi: contattare uno psicologo della sua zona e un esperto di alimentazione e dieta. Prima, però, lo psicologo. Perché nessuna dieta potrà funzionare finchè ci sarà qualcosa dentro di lei che la trascina nella direzione opposta.
Buona serata e buona fortuna.

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 20/05/2015

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni