Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi a mangiare con altri (000003)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 138 volte

Maria, 30 anni

Ho ed ho sempre avuto dei problemi a mangiare in compagnia di altre persone... non credo siano problemi di origine alimentare poichè da sola o con chi conosco bene mangio tranquillamente, mentre quando mi trovo in compagnia di persone sconosciute o che conosco da poco il problema si presenta.
A volte mi invento allergie alimentari per evitare di mangiare certi alimenti (anche se mi piacciono) e termino la cena o il pranzo in modo veloce o mi rifiuto proprio di mangiare. Sono una persona timida e diffidente, con vari problemi dovuti ad un'nfanzia difficile e mi relaziono difficilmente... grazie in anticipo

Cara Maria, in effetti il suo non sembra essere un disturbo alimentare, bensì una problematica legata alle sue insicurezze, ovvero a quella che lei definisce timidezza e difficoltà nelle relazioni con gli altri. Spesso questo tipo di problema è legato ad una paura a far vedere qualcosa di sé, e questo qualcosa generalmente ha a che fare con la propria natura, con i sentimenti, le emozioni o gli istinti…..Insomma, qualche volta l’atto dell’immettere cibo, che è un atto del tutto naturale, istintuale appunto, legato alla sopravvivenza, può essere vissuto con una certa vergogna, quasi svelasse di noi dei bisogni, dei desideri inconfessabili, anche una famelicità (o desiderio estremo) di cui ci si vergogna.
Il parallelo con la sessualità è spesso presente. Insomma, cara Maria, devono esserci degli aspetti di se stessa che lei si sta negando, che tende a nascondere a se stessa prima che alle altre persone. Delle paure e dei desideri che non vuole far emergere. Per capire di cosa si tratti esattamente, dovrebbe rivolgersi ad una psicoterapia; cosa che la aiuterebbe ovviamente non solo a risolvere questa problematica legata al mangiare in pubblico, ma anche e soprattutto il suo problema relazionale e i suoi conflitti interni. Francamente penso che valga la pena provare.

 

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente, “passaggio all’ atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’in...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters