Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi alimentari (159013)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 176 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessandro , 27

 

Gentile Dottore,
da un paio di anni ho dei problemi alimentari, non riesco a mangiare in pubblico con persone sconosciute o anche amici.
Fin da ragazzo avevo solo problemi la mattina prima di andare a scuola, mi veniva un po di vomito, ma con il tempo questo mio disagio è passato. in seguito si è ripresentato con la mia prima ragazza quando mi trovavo con lei a cena fuori, ma diciamo che ho raggirato il problema evitando di cenare da soli.
Adesso, con la mia attuale compagna mi ritrovo nella stessa situazione e, non solo non riesco a mangiare solo con lei, ma anche con amici e colleghi; il problema si verifica solo in ristoranti o trattorie con primi secondi etc, se invece mangio un panino o pizze no.
I sintomi sono mani fredde, faccia rossa e mi si chiude lo stomaco, se provo a sforzarmi mi vengono stimoli di vomito.
Grazie in anticipo per la disponibilità buona serata.

Caro Alessandro,
mi sembra che la tua risposta riguardi solo alcuni tipi di cibo e alcuni luoghi, inoltre sembra che la reazione sia di tipo fobico dettata da disgusto.
Probabilmente sei sensibile a determinati cibi che non capisco se sono associati ad alcune situazioni vissute o comunque esperiene determinate. La tua spiegazione non mi permette di leggere completamente come avviene il tuo comportamento quindi non posso essere più preciso tuttavia ti dico che, nella maggior parte dei casi, in situazioni come la tua si procede ad un'esposizione, ma non è detto che il tuo caso sia esattamente da considerarsi inquadrabile in questo tipo di intervento.
Se vuoi intervenire ti consiglio di contattare uno psicoterapeuta con indirizzo cognitivo-comportamentale.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 13/03/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni