Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

problemi alimentari (47442)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 123 volte

Asia, 21anni (18.1.2002)

Ciao mi chiamo Asia e ho 21 anni.è molto difficile per me ammettere di avere questo problema anche perchè non l'ho ancora mai detto a nessuno ma in quest'ultimo periodo mi sento come una pentola a pressione e ho bisogno di sfogarmi.Il mio problema risale a quano avevo circa 12 13 anni in cui ho iniziato delle diete non perchè fossi grassa,sono sempre stata magra,ma perchè mi andava,mi piaceva avere una situazione sotto controllo,mi faceva stare bene con me stessa,e più digiunavo,più facevo finta di mangiare,prendevo di nascosto lassativi e riuscivo a non destare alcun sospetto più stavo meglio...ma la situazione è peggiorata quando ho iniziato il liceo,non sono mai stata una cima a scuola(perchè studio il minimo indispensabile)e ho iniziato a sentirmi insicura di me stessa,a sentirmi quasi fuori luogo,ma fuori da quel luogo perchè non volevo farne parte perchè mi sembravano tutti senza vita con in mente solo di studiare e mai di divertirsi...io ho iniziato a mangiare sempre di meno e alla fine dell'anno scolastico sono crollata ,ero alta 1,70 ed ero arrivata a pesare 44kg.,mi cadevano tantissimi capelli e mi si era bloccato il ciclo.
Con la mia famiglia ho sempre avuto un buon rapporto,mi confido,racconto quasi tutto quello che faccio con gli amici,i miei genitori non mi hanno mai fatto mancare niente,ho una sorella più grande con cui ho molto felling ma in quel periodo nessuno di loro ha capito cosa mi stava passando per la testa anche perchè ero e sono una ragazza sempre sorridente,ho sempre voglia di fare nuove esperienze e di vuaggiare...gli amici quando sono tristi mi chiamano perchè dicono che metto allegria...ma in realtà molte volte dentro di me vorrei urlare!Durante l'estate,avevo 15 anni,ad un certo punto mi era scattato qualcosa dentro,insomma mi ero resa conto che facevo schifo e non era per niente piacevole aver paura di rimanere calva!così ho ricominciato a mangiare e a prendere delle vitamine ordinate dal dottore(pensavano che fosse un pò di esaurimento dovuto al passaggio dalla scuola media al liceo),tornata a scuola a settembre ero in forma pesavo sui 53kg e l'estate oltre ad avermi portato qualche chilo in+ mi aveva portato anche l'amore!ma poi mi sono vista grassa ed ho iniziato a mangiare e vomitare,prima per dimagrire,poi ogni cosa che mi andava storta mi portava ad abbuffarmi tra dolce e salato e correre in bagno,le mie amiche intanto mi dicevano che io ero bella,avrei potuto fare la modella e io mi pavoneggiavo anche e raccontavo che al giorno mangiavo circa un pacco di pastine,patatine etc ma non raccontavo certo che vomitavo a nche6 volte al giorno!per gli ultimi anni del liceo sono andata avanti così,lo facevo durante i compleanni a scuola,in vacanza,all'Estero,ma non ci facevo neanche più caso..per me era naturale,il mio peso è oscillato sempre tra i 48 e 53kg e il ciclo è sempre stato irregolare.C'è stato un periodo però in cui mi sentivo in colpa e dopo aver mangiato e vomitavo ero disperata e mi sarà successo un 5 volte per punirmi mi facevo dei tagli sulle braccia ma non perchè provassi piacere nel sentire dolore anzi...era un modo per piangere meglio.Terminato il liceo ho iniziato l'università ora faccio il terzo anno e in questi2anni mi è capitato di sfogarmi vomitando una decina di volte,ma ho sempre ansia,soffro d'insonnia,alcune notti non chiudo proprio occhio,proprio per questo motivo l'anno scorso sono andata da uno psicologo ma non ho avuto il coraggio di raccontarle del mio rapporto con il cibo e dopo qualche seduta mi propose di fare un corso di autostima di gruppo che ho deciso di non seguire e ho terminato la terapia.Mi sentivo bene ma questo ottobre una mia amica mi ha confidato di essere bulimica,di essersi accorta di sbagliare,di avere brutti pensieri ed io da quel giorno ho un peso enorme e non faccio altro che pensarci tutto il giorno e la notte..ho un peso perchè io non l'ho mai detto a nessuno,non sono mai riuscita a confidarmi...da ottobre non sto bene,non mangio tanto,qualche volta vomito,sono sempre nervosa mi viene sempre da piangere,sono insoddisfatta,avrei voglia di ricominciare da zero ma non so proprio come fare!L'università va bene ma non mi dà molti stimoli,esco spesso con gli amici,ma quando non sono io ad essere al centro dell'attenzione non sono contenta.
Poi in questi anni non ho mai avuto un ragazzo serio,almeno per me,non riesco a lasciarmi andare,non ho mai fatto sesso completo e adesso per me è diventato un problema...in realtà non l'ho ancora fatto perchè non ho ancora trovato un ragazzo con cui starci veramente bene,che poi vorrei un uomo molto+grande di me,ma certo che se lo trovo fra 10 anni è meglio che vada col prima che capita.Non ce l'ho contro il sesso maschile anche perchè ho+amici maschi ma ho paura di essere lasciata,di soffrire,di essere presa in giro,allora preferisco stare da sola anche se il mio vero sogno non è quello di diventare donna menager come dico sempre ma di trovare una persona con cui stare veramente bene,di amare ed essere amata,di costruire una famiglia,io darei tutta me stessa ma più passa il tempo più mi accorgo che la gente è cattiva,opportunista,prima pensa a sè stessa e trovare persone sincere e soprattutto vere è una rarità.Mi rendo conto che non avrò una risposta ai miei problemi ma per me è già un traguardo aver scritto tutto questo!
Grazie e cordiali saluti.

Sì, cara Asia, hai ragione, è già un traguardo avere finalmente messo fuori di te tutto il peso che da tempo ti opprime, e, sicuramente dopo questo passo ce ne saranno altri, perché avere scritto significa avere voglia di cominciare ad affrontare te stessa, senza nasconderti. Hai bisogno di entrare in contatto con il tuo vuoto interiore che da anni tenti di gestire in solitudine, trasformandolo in un punto di forza o in un contenitore pesante e fastidioso. Dentro di te c'è rabbia e fame d'amore, di quell'amore che senti negato da chi ti passa vicino e non si accorge che stai soffrendo. Te la senti di chiedere? Sei pronta per urlare davvero il tuo dolore, la tua solitudine, la tua mancanza di fiducia? Perché questa è la strada verso la guarigione, sentire quello che manca dentro di te, chiederlo, a te stessa e agli altri, e accettare di riceverlo. Ti senti delusa, incompresa, dal terapeuta che non ha letto dentro di te, dal mondo maschile che vive in superficie, da una famiglia che non si accorge della tua finzione. Sei tu che devi aprirti, sei tu che devi offrire la possibilità di entrare a chi, forse, si sente escluso dalla tua vita, e per farlo devi prima accettare di avere bisogno degli altri. Ti sei convinta che è difficile trovare verità negli altri perché tu per prima mostri una immagine che non corrisponde a quello che sei, e più ti chiudi , più confermi che gli altri vanno solo per la loro strada senza curarsi di te. Non è così, è vero, spesso siamo egoisti e pigri, e ognuno è troppo impegnato a nascondere se stesso, a difendersi, per accorgersi degli altri, tutti presi dallo stesso gioco, poche persone hanno il coraggio di chiedere, di mostrare la propria debolezza, e qui nasce il malessere e la solitudine. Approfitta di questo momento in cui senti forte la spinta all'apertura, per spezzare questo meccanismo, esci allo scoperto, confessati con te stessa e con gli altri, vai in terapia, questa volta con la voglia di conoscerti e vedrai che quel vuoto non sarà più padrone della tua vita, ma sarai tu la protagonista. Auguri.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters