Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi con il cibo ( 163315 )

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 196 volte


Lisa, 17

 

Gentile Dottore,
Dopo essere stata lasciata, quasi un anno fa, ho iniziato a non mangiare sono passata in un mese da 60 a 55 kili. Tornata dalle vacanze ho cominciato a mangiare a dismisura, fino ad arrivare (Dicembre) a 66 kili. Mia madre ha deciso di portarmi da una dietologa, ma il mio problema è di altro tipo. Tutti i giorni appena escono i miei comincio a mangiare a dismisura, qualsiasi cosa mi capiti sottocchio! (Una volta sono riuscita a mangiare a cucchiate la farina) Altre volte invece dopo questi 'attacchi', ho provato a vomitare eo prendere lassativi. Ne ho parlato a mia madre che ovviamente si era gia accorta del disagio, speravo mi dicesse di andare da uno psicologo ed invece ho ottenuto tutto il contrario. Sembra che questa cosa che mi succede sia una delle tante scene da adolescenziale ma ormai sono mesi che vado. Intanto rimango bloccata in un corpo che non mi appartiene, grasso e brutto. Sembra una spirale infinita, non c'è la faccio piu.

Cara Lisa,
sai spesso la tendenza a sminuire i disagi di cui mi parli è sostenuta dalla credenza erronea "se non si da attenzione passeranno". Quello che posso dirti è che qualunque cosa sia, anche se parliamo di un problema adolescenziale, come dicono i tuoi, si riflette in comportamenti che creano danni alla salute. Per questo è importante tenerli sotto controllo (oscillare 11 Kg 55-66 in poco tempo non è uno scherzo). Quindi ti consiglio di parlarne di novo con i tuoi genitori sottolineando soprattutto la dimensione fisica ovvero i cambiamenti ponderali e il fatto che la consulenza dietologica non ha prodotto risulati apprezzabili. Inoltre avere una consulenza psicologica non significa aumentare ma valutare le possibili difficoltà che stai affrontando di conseguenza affrontarle. Saluti Mirko Dai Prà

 

(Risponde la Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 30/09/2013

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters