Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi di alimentazione ed ansia (005997)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 89 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lau, 21 anni

Salve, mi chiamo Laura e ho 21 anni. Vivo a Roma. Lavoro da un anno in una società di informatica e il mio lavoro mi piace :) Racconto brevemente la mia situazione familiare: quando avevo 5 anni, dopo la nascita di mio fratello (15 giorni dopo) mio padre è andato via di casa per un'altra donna, con la quale dopo 10 anni ha avuto un altro figlio. In questi anni, i nostri rapporti sono stati sempre molto "normali", niente di impegnativo, un "come stai?" e un "come è andata la partita di pallavvolo o la scuola" nulla di più.
Eravamo da loro (la nuova famiglia) ogni week-end e un mese all'anno passavamo le vacanze insieme. Dopo la nascita di mio fratello minore, che ormai ha 6 anni, mio padre ha lasciato anche loro. Dopo tutto ciò mio padre si è trasferito a Torino per lavoro e la madre di mio fratello con il bambino, sono tornati a Macerata, dove lei ha tutta la sua famiglia. Vedo mio padre una volta ogni 6 mesi circa e la stessa cosa vale per mio fratello.
Credevo di aver superato i problemi dell'abbandono che una bambina piccola può avere (incubi di animali tipo scarafagi, i ladri che entravano a casa, avevo paura anche di andare al bagno da sola, mia madre doveva essere sempre davanti a me, fisicamente, e mai dietro ai miei occhi, così che io potessi vederla e fossi sicura che lei non mi avesse abbandonato), ma con la nuova separazione sono caduta in una bufera vera e propria.
Sono ormai tre anni che passo da un medico all'altro, perchè non si capisce cosa ho all'intestino. Come ingestisco latte vaccino, sto male, ma tecnicamente parlando, dovrei stare male anche con il latte di capra. Insomma, dopo indagini varie, nessuno giustifica questo mio malessere, che praticamente mi limita parecchio nell'alimentazione e non solo. Qualcuno ha ipotizzato che sia solo un problema psicologico. Ogni volta che poi inizio ad avere questi dolori forti, cado nel panico. La paura di svenire, di sentire dolore diventa più grande di me.. inizio a tremare e non ragiono quasi più.
In questi tre anni mi è capitato di avere anche attacchi d'ansia e di panico anche non in corrispondenza dei dolori. Aspettare il treno (cosa che facevo tutte le mattine per esigenze scolastiche) era impossibile, molte volte tornavo a casa. I grandi spazi e i posti affollati anche adesso mi creano qualche, seppur lieve, problema. Onestamente non ne capisco molto di psicologia, penso che la mia sia una strana e contorta forma di anoressia. Invece che vomitare, io ho attacchi di colite. Quando qualcosa non mi piace, io mi sento male. Se vado per esempio in un locale che non conosco, ho sempre la sensazione che nei cibi ci sia il latte..e così mi sento male :|
Ogni volta che vedo mio padre e mio fratello, praticamente una o due volte l'anno, sto malissimo e ricado nell'oblio, già descritto, quando un momento prima stavo meglio.
Ho provato ieri mattina a parlare con una psicologa di un consultorio pubblico.. la quale, dopo aver parlato con me 10 minuti di orologio, 3 dei quali passi a scrivere la mia anagrafica, mi ha risposto che loro non trattano di questi problemi. Non so esattamente se cerco una risposta, vorrei solo tornare ad essere normale. Quello che noto è che ogni volta che sento mio padre, sto male. Credo che il problema sia lui e tutto derivi dalla sua seconda separazione.
Vi ringrazio per l'attenzione.
Laura.

Cara Laura, il problema che ti crea disagio ha, molto probabilmente una causa più antica e meno cosciente di quella che hai individuato, anche se, sia il primo che il secondo abbandono hanno contribuito a scatenare in te l'insicurezza e la paura. Mi sembra strano che la collega del consultorio ti abbia liquidato velocemente perchè è chiaro che è proprio attraverso un lavoro psicoterapico che potresti risolvere il tuo malessere, oltre a verificare le eventuali intolleranze alimentari e correggere la tua alimentazione, potrebbe non essere solo il latte a farti male ma per esempio il glutine che spesso, di questi tempi, è mal tollerato dall'intestino.
In ogni caso hai bisogno di lavorare sulla psiche e sul corpo per uscire da questo stato e vivere la tua età in modo sereno Forse in quel centro non fanno psicoterapia, è il Centro di Salute Mentale che dovresti contattare e lì trovare un terapeuta in grado di aiutarti. Hai voglia di stare bene giustamente, ma questo prevede che tu trovi delle risposte alle domande che si accavallano dentro di te da quando eri bambina,e da sola è difficile, ti serve un aiuto.
Rivolgiti al Centro della tua zona, a Roma ne esiste uno in ogni circoscrizione, oppure, se puoi, cerca un terapeuta consultando il sito www.psicologi-italiani.it dove troverai l'elenco di professionisti divisi per regione.
Per superare un problema psicologico, che ha effetti anche nel fisico, è necessario diventare consapevole dei meccanismi che lo provocano e una terapia ha proprio lo scopo di guidare una persona dentro di sè e di insegnarle a decifrare i messaggi che arrivano dal profondo sotto forma di malessere.
Nel frattempo cerca di non dare definizioni di te stessa e dei tuoi sintomi del tipo "non normale", "contorta" quando avrai più chiarezza ti renderai conto che quello che ti sta accadendo ha una sua logica e un significato. auguri.

( risponde la dott.ssa Mirella Tavernise )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni