Pubblicità

Problemi legati all'alimentazione

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 86 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia 23

Ho un problema di fame nervosa. Ultimamente sempre piu spesso perdo il controllo e tendo ad abbuffarmi di tutto..cosi la rabbia aumenta come aumentano i chili che tendono a farmi sentire a disagio in ogni contesto sociale..passano giorni in cui sto quasi a digiuno e giorni in cui mangio fino a sentirmi scoppiare..vorrei tanto riuscire ad uscire da questo tunnel che mi sta facendo isolare da tutto e da tutti...invento scuse per evitare cene tra amici poi capita che mi chiudo in casa da sola ad abuffarmi di tutto..nn so come risolvere questo problema che mi sta distruggendo..da poco l'ho confidato a mia madre..ma è difficile parlarne agli altri...per un periodo mangiavo di tutto poi quando ero piena vomitavo ora questo nn lo faccio piu ma cosi i chili aumentano...

Cara Silvia, c'è da chiedersi che cosa ci sia che non va nella tua vita, che cosa ti lascia così insoddisfatta, che cosa induca tanta rabbia in te (e contro di te); come mai non ti senti accettata e come mai tendi a non accettarti. Questi problemi, che tu vedi come conseguenti alla tua modalità di alimentarti, sono in realtà alla radice del tuo modo di viverti e di vivere il cibo. E' sulle tue insicurezze che devi interveniere, sull'ansia, sul conflitto che vivi costantemente dentro di te tra voglia di controllo e desiderio di lascirsi andare.... Il cibo, e il modo di assumerlo, sono la conseguenza del rapporto che si ha con se stessi (e con gli altri) e si modificano lavorando su se stessi e dentro se stessi, per esempio intraprendendo un lavoro psicoterapeutico. Hai fatto molto bene a parlarne con tua mamma, perchè riuscire a comunicare questo tipo di problematiche é solitamente un primo passo importante per la risoluzione del problema, che quando è tenuto segreto diventa prorompente. Bene quindi Silvia, un passo è fatto. Ora cerca di non chiuderti nuovamente a riccio, parlane e cerca soprattutto soluzioni. Ripeto, una psicoterapia è una buona strada, ma se non te la senti ancora, prova a leggere qualcosa sull'argomento "disturbi alimentari": in libreria ci sono molti testi sull'argomento e anche sul sito trovi informazioni. Cerca di capire quali siano i nodi psicologici che ti riguardano e che hanno determinato questa tua difficoltà ad assaporare la vita e questa tua tendenza a rifiutare te stessa (come il cibo).

(risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni