Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rifiuto dell'alimentazione (144409)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 138 volte

Nicola 4

Salve, il problema è il seguente. Ho un bambino nicola di 4 anni che ormai da qualche anno stà piano piano togliendo ad uno ad uno diversi cibi dalla sua alimentazione, preciso che lui quando noi mangiamo a tavola, la nostra famiglia è composta da padre madre figlia e figlio, dicevo lui si rifuita categoricamente di sedersi a tavola e in più a anche le nausee dei cibi che mangiamo noi. La sua alimentazione quotidiana è latte la mattina 250 ml, poi se possibile una merendina a metà mattina pranzo un sandwic vuoto e un succo difrutta a merenda un fruttolo per cena un pezzo di pizza e prima di andare a letto 250 ml di latte così tutti i giorni quando va bene siamo disperati. Dati informativi del bambino a 4 anni e pesa 17,5 e di altezza e il 95 percentile. Vorrei sapere un consiglio su come affrontare questo problema. Se non avete tempo di rispondere chiedo gentilmente di essere informato visto che siamo disperati, saluti, Luigi. Un saluto.

 

Caro Luigi è sicuramente una situazione difficile e che vi spaventa molto. Bisognerebbe innanzitutto escludere che sia un problema fisico, avete già chiesto al pediatra? Se un bambino così piccolo non mangia bisogna accertarsi che non abbia problemi fisici, solo successivamente bisogna escludere che non sia una problematica legata a un rifiuto causato da qualche disagio psicologico. Invito voi genitori a portare il bimbo da specialisti pediatri e solo poi da psicoterapeuti dell'infanzia. Il bimbo è piccolo e la situazione va affrontata insieme all'intera famiglia per capire da cosa sia originato. Mi raccomando molto sull'assicurarsi che non sia un problema fisico! Solo allora potete chiedere consulenza psicologica a specialisti nell'infanzia da cui dovrete andare insieme in quanto i disagi infantili si affrontano molto spesso a livello familiare, per poter dare modo ai genitori di aiutare il bimbo che essendo così piccolo non può aiutarsi da solo. Un grosso augurio!

(Risponde la Dott.ssa Diana Baggieri)

Pubblicato in data 18/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters