Pubblicità

Rimettere per brutte notizie (153109 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 471 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 26

 

Gentile Dottore,
ho 26 anni. Sono una ragazza che vive con la madre e la sorella anche se ora vivo la maggior parte della settimana presso una famiglia dove faccio la tata; ho perso mio padre per una malattia all'età di 19 anni.
Ho un problema ogni volta che ricevo brutte notizie mi risale su quello che ho mangiato non credo di essere anoressica perchè pur mangiando poco il resto delle volte mangio normale anche se poco perchè sono magra di costituzione. Comunque la prima comparsa credo ci sia stata alla notizia della gravità della malattia di mio padre; poi mi succede soprattutto nelle relazioni sentimentali con il mio attuale ragazzo ogni volta che si parla dell eventualità di lasciarsi.
Ho paura di spaventarlo con le mie reazioni esagerate; alle brutte notizie perdo subito l'appetito e smetto di mngiare, questo mi spaventa nn voglio diventare anoressica tanto meno morire di fame.
Non oso immaginare quello che potrebbe succedere con un eventuale separazione dal mio ragazzo. Credo sia importante dire che ho sempre avuto difficoltà a relazionarmi con l'altro sesso e che episodi di perdita d'appetito ci sono stati anche prima della morte di mio padre.
Non so quanto possano essere legate le 2 cose... come posso separare le mie emozioni dalla mia alimentazione? O comunque controllare le mie reazioni? grazie

Cara Anna,
da quanto descrivi è evidente un vissuto traumatico in risposta ad un dramma vissuto in famiglia (la morte di tuo padre per malattia), sembra che la sofferenza che attualmente provi sia legata alla paura di sperimentare emozioni negative intense, sembra una vera e propria fobia con sintomi vegetativi come il vomito.
Quello che non è chiaro è se le due cose (trauma e "fobia") siano legate. Se è così quello che ti consiglio di fare è lavorare da una parte all'elaborazione del lutto attraverso i ricordi e dall'altra alla fobia verso le informazioni negative attraverso un'esposizione graduale e desensibilizzazione.
Questi 2 interventi richiedono l'aiuto di un professionista. Ti consiglio un intervento di tipo cognitivo comportamentale con un terapeuta con esperienza anche sul trattamento di traumi.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 23/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

News Letters

0
condivisioni