Pubblicità

Rimettere per brutte notizie (153109 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 688 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 26

 

Gentile Dottore,
ho 26 anni. Sono una ragazza che vive con la madre e la sorella anche se ora vivo la maggior parte della settimana presso una famiglia dove faccio la tata; ho perso mio padre per una malattia all'età di 19 anni.
Ho un problema ogni volta che ricevo brutte notizie mi risale su quello che ho mangiato non credo di essere anoressica perchè pur mangiando poco il resto delle volte mangio normale anche se poco perchè sono magra di costituzione. Comunque la prima comparsa credo ci sia stata alla notizia della gravità della malattia di mio padre; poi mi succede soprattutto nelle relazioni sentimentali con il mio attuale ragazzo ogni volta che si parla dell eventualità di lasciarsi.
Ho paura di spaventarlo con le mie reazioni esagerate; alle brutte notizie perdo subito l'appetito e smetto di mngiare, questo mi spaventa nn voglio diventare anoressica tanto meno morire di fame.
Non oso immaginare quello che potrebbe succedere con un eventuale separazione dal mio ragazzo. Credo sia importante dire che ho sempre avuto difficoltà a relazionarmi con l'altro sesso e che episodi di perdita d'appetito ci sono stati anche prima della morte di mio padre.
Non so quanto possano essere legate le 2 cose... come posso separare le mie emozioni dalla mia alimentazione? O comunque controllare le mie reazioni? grazie

Cara Anna,
da quanto descrivi è evidente un vissuto traumatico in risposta ad un dramma vissuto in famiglia (la morte di tuo padre per malattia), sembra che la sofferenza che attualmente provi sia legata alla paura di sperimentare emozioni negative intense, sembra una vera e propria fobia con sintomi vegetativi come il vomito.
Quello che non è chiaro è se le due cose (trauma e "fobia") siano legate. Se è così quello che ti consiglio di fare è lavorare da una parte all'elaborazione del lutto attraverso i ricordi e dall'altra alla fobia verso le informazioni negative attraverso un'esposizione graduale e desensibilizzazione.
Questi 2 interventi richiedono l'aiuto di un professionista. Ti consiglio un intervento di tipo cognitivo comportamentale con un terapeuta con esperienza anche sul trattamento di traumi.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 23/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

News Letters

0
condivisioni