Pubblicità

Terapia Breve Strategica (1445970413478)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 816 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoTrappola, 24

 

D

 


Salve, soffro di disturbi alimentari da circa 10 anni, altalenando fasi di vario genere - dalla restrizione, che mi porta al grave sottopeso, ad abbuffate con frequenza variabile e spesso accompagnate da condotte eliminatorie.

Recentemente mi è stato suggerito di affidarmi alla Terapia Breve Strategica; mi sono recata ad un appuntamento, ma ne sono uscita con la sensazione di essere stata presa in giro. Il terapista mi ha inserito nella categoria "vomiting" e, tra un gioco di parole e l'altro, ha dichiarato che il mio problema era il piacere di vomitare; cosa che poi ho scoperto essere semplicemente il protocollo standard applicato a tutte le pazienti che praticano vomito autoindotto.
Ora, anche se tento di superare il mio cinismo nei giochetti di persuasione alla Cialdini che caratterizzano questa terapia, mi chiedo se questo approccio possa comunque risolvere il mio problema, che personalmente credo vada un po' al di là del piacere di vomitare.
La mia paura è che, come mi è già successo in passato, appena interromperò il ciclo del vomito ricadrò nell'anoressia o nella depressione. E' una preoccupazione infondata? La Terapia Strategica è davvero così miracolosa?
Grazie per la vostra attenzione,
Trappola.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R




Gentile utente “Trappola”, ho letto che lei da 10 anni ha questo problema legato ad un disturbo alimentare. Le condotte di eliminazione nell’abbuffata, sono un comportamento di appagamento relativo a un senso di colpa. Nel suo caso, bisogna comunque capire le cause del suo disturbo alimentare e quindi del suo vomitare (per il quale occorre effettuare ulteriori approfondimenti se il disturbo è più tendente all’anoressia o alla bulimia o appunto al vomiting) al fine di fare più chiarezza se il disturbo potrebbe dipendere da dinamiche familiari disfunzionali oppure se il vomito autoindotto è solo una conseguenza secondo la quale la sequenza del mangiare-vomitare si trasforma poco a poco in un rituale o un’abitudine che col tempo diventa sempre più piacevole e appunto abituale.
Cerchi di cambiare terapeuta se non è soddisfatta del suo lavoro e della terapia breve strategica, ognuno ha il suo approccio terapeutico e una sua linea terapeutica che segue per il trattamento dei disturbi psicopatologici.
Per il vomiting la terapia breve strategica è uno degli approcci più indicati però in alternativa, per i disturbi alimentari in generale, le consiglierei una psicoterapia cognitivo-comportamentale. Un saluto.

 

(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 24/11/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: piacere terapia breve strategica disturbi alimentari fasi restrizione sottopeso abbuffate condotte eliminatorie vomiting vomitare

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

News Letters

0
condivisioni