Pubblicità

Terapia Breve Strategica (1445970413478)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 2271 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoTrappola, 24

 

D

 


Salve, soffro di disturbi alimentari da circa 10 anni, altalenando fasi di vario genere - dalla restrizione, che mi porta al grave sottopeso, ad abbuffate con frequenza variabile e spesso accompagnate da condotte eliminatorie.

Recentemente mi è stato suggerito di affidarmi alla Terapia Breve Strategica; mi sono recata ad un appuntamento, ma ne sono uscita con la sensazione di essere stata presa in giro. Il terapista mi ha inserito nella categoria "vomiting" e, tra un gioco di parole e l'altro, ha dichiarato che il mio problema era il piacere di vomitare; cosa che poi ho scoperto essere semplicemente il protocollo standard applicato a tutte le pazienti che praticano vomito autoindotto.
Ora, anche se tento di superare il mio cinismo nei giochetti di persuasione alla Cialdini che caratterizzano questa terapia, mi chiedo se questo approccio possa comunque risolvere il mio problema, che personalmente credo vada un po' al di là del piacere di vomitare.
La mia paura è che, come mi è già successo in passato, appena interromperò il ciclo del vomito ricadrò nell'anoressia o nella depressione. E' una preoccupazione infondata? La Terapia Strategica è davvero così miracolosa?
Grazie per la vostra attenzione,
Trappola.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Gentile utente “Trappola”, ho letto che lei da 10 anni ha questo problema legato ad un disturbo alimentare. Le condotte di eliminazione nell’abbuffata, sono un comportamento di appagamento relativo a un senso di colpa. Nel suo caso, bisogna comunque capire le cause del suo disturbo alimentare e quindi del suo vomitare (per il quale occorre effettuare ulteriori approfondimenti se il disturbo è più tendente all’anoressia o alla bulimia o appunto al vomiting) al fine di fare più chiarezza se il disturbo potrebbe dipendere da dinamiche familiari disfunzionali oppure se il vomito autoindotto è solo una conseguenza secondo la quale la sequenza del mangiare-vomitare si trasforma poco a poco in un rituale o un’abitudine che col tempo diventa sempre più piacevole e appunto abituale.
Cerchi di cambiare terapeuta se non è soddisfatta del suo lavoro e della terapia breve strategica, ognuno ha il suo approccio terapeutico e una sua linea terapeutica che segue per il trattamento dei disturbi psicopatologici.
Per il vomiting la terapia breve strategica è uno degli approcci più indicati però in alternativa, per i disturbi alimentari in generale, le consiglierei una psicoterapia cognitivo-comportamentale. Un saluto.

 

(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 24/11/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: piacere terapia breve strategica disturbi alimentari fasi restrizione sottopeso abbuffate condotte eliminatorie vomiting vomitare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni