Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Voglio morire-urgente (162081 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 309 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima, 18

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 18 anni,disperata. Mi rivolgo a voi pur facendo psicanalisi da anni. Brevemente la mia storia passata,famiglia perfetta,bambina perfetta che prende tutti 10,un po' malinconica e asociale di natura,ma senza nulla di grave. In seconda media mi è stato fatto del bullismo psicologico;lì il primo desiderio di morire,ma con l'aiuto del mio idolo Celine Dion riuscii ad andare avanti,a finire alla perfezione la scuola,a lasciarmi alle spalle la rabbia. Frequento il liceo classico,vado molto bene con voti che vanno dall'8 al 10,pur non avendo scelto io l'indirizzo. Al secondo anno,5° ginnasio,mi sono ammalata di anoressia,momento della mia vita che rimpiango ardentemente, 1,73cm x 40kg ,una persona forte e senza sentimenti che finalmente stava per morire. Sono stata in ospedale,ho frequentato psichiatre e gruppi; fino a quando,dopo 2 anni, ho, a malincuore, recuperato sia i chili persi ma lo schifo di persona che sono è uscito. Arriviamo ad ora,in seguito ho sofferto di bulimia,che ormai ha lasciato il posto alla parte peggiore,la depressione. Ok,qual è il motivo per cui voglio morire? In un momento di debolezza,quasi due anni fa,decisi di andare in una chat,dove conobbi un uomo che ora ha 70 anni,sposato con figlio e nipoti. Noi iniziammo a sentirci,a me faceva piacere sentirmi amata e continuai. Questo rapporto col tempo si trasformò in amore,vivevamo delle nostre mail,delle nostre telefonate,del nostro sesso virtuale,del nostro amore. C'è chi non capisce,una relazione virtuale tra una di 18 anni ed un uomo di 70 ... ma al di là di ogni psicanalisi,tra di noi c'è un amore indissolubile. Lui non è mai venuto da me per non farmi del male,sarebbe disposto a mandare al diavolo la famiglia,ma gli chiedo di non farlo perchè non saprei cosa dargli. Dopo un anno e mezzo di amore,non sono riuscita più a mantenere il segreto con i miei,i quali,mia madre soprattutto (che vorrei si facesse curare per la sua apprensione e severità inaudita),mi hanno imposto di chiudere tutto. So che non potevo aspettarmi altro. La farò breve,io da allora sono morta,lui non ce la fa, mi manda mail disperate dicendomi di tornare con lui,mi ha chiamato e piange, vuole morire come me,lui senza me non ce la fa,e mi rendo conto che quando gli dico che dobbiamo chiudere,la scelta non è dovuta a me,ma ai miei. So di non poter tenere due piedi in una scarpa,ma io lo amo e senza lui non vivo,dall'altra parte non vorrei perdere la famiglia. Penso a morire ogni singolo minuto,e non so quale pizzico di inconscio non mi fa trovare il coraggio,solo la morte mi darebbe pace. Sarebbe un suicidio di sopravvivenza,voglio avere una malattia,voglio che qualcuno mi uccida,avrei preferito lo facessero i miei,e lui dall'altra parte vuole lo stesso,preferisce morire. Io non posso farcela così,a scuola qualcuno sa,passo le lezioni a piangere e disperarmi,ma non so come sopravvivere così tra neanche 2 minuti. Chiedo aiuto,non so che aiuto,un aiuto su come trovare la forza di morire,visto che non esiste più un futuro nè breve nè lontano,io e lui non possiamo vivere l'uno senza l'altra,credo che se uno non si uccida nessuno non troverà mai la pace. Sono morta,vorrei solo trovare la forza di uccidere anche il mio corpo. Grazie

Caro Utente,
da quanto mi scrive sembra che lei, in questo momento, veda la morte come l'unica via d'uscita da una situazione emotiva molto intensa. A quanto scrive poi mi sembra che in passato ci siano già stati dei problemi ai quali ha già risposto con gesti estremi (disturbi alimentari). Sembra che sia carente nella generazione di soluzioni ai suoi probemi. La costellazione di sintomi che presenta poi può far immaginare una problematica che va oltre i sintomi e che potrebbe riguardare alcuni aspetti della personalità. Se comunque è in cura ad uno psicoanalista cerchi di trovare insieme allo/a specialista cosa è che la induce a decidere per soluzioni così estreme e individuare soluzioni alternative ai suoi problemi. Di più non posso dirle basandomi su quanto mi scrive. saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 02/05/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters

0
condivisioni