Pubblicità

Lavoro (074687)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 407 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tiziana 40 anni, 5.08.2004

Carissimo o carissima non ti conosco e non sò se potrai aiutarmi in questo momento di grande confusione. Spiego in poche parole il mio disagio.
Provengo da una famiglia diciamo benestante poichè mio padre ha sempre lavorato molto questo lo trovo già un handicap perchè dirai? ma forse non ho capito la vita nel momento dell'adolescenza crescendo come si dice ovattata o forse dono stati i miei genitori a fatmi crescere così stà di fatto che ora mi ritrovo a 40 anni in cui devo ricominciare da zero.

Già a 18 anni scelsi la mia strada e con molta serenità scelsi di lavorare nell'azienda di mio padre perchè mi piaceva molto quel tipo di lavoro studiai grafica pubblicitaria e mi buttai a capofitto in quell'avventura che si trasformò nella scelta più terribile della mia vita....
Ci misi tutta me stessa il lavoro mi gratificava e imparari presto tutto ma riusci ad essere stimata nell'ambiente ma con un padre che mi limitava da una parte e che mi entusiasmava dall'altra, passavano gli anni ne passarono precisamente 19 e mio padre mi disse "l'allievo che supera il maestro" il maestro era lui l'allieva io cominciò a contestarmi a mettermi i bastoni tra le ruote tanto che poi edecisi di non lavorare più con lui in contrai un ragazzo e mi sposai...
Mio padre mi aveva delusa e non lo capivo credevo mi odiasse.
Partii per il viaggio di nozze e quando tornai era scoppiato un terremoto ma non quello classico ma nella famiglia di origine i miei genitori si stavano separando mio padre aveva un'altra donna e l'azienda stava andando a rotoli..
Mio padre si era stufato di lavorare e di continuare, mi cascò il mondo addosso la mia azienda in fumo i miei progetti per il futuro anche e sopratutto i miei sogni lì c'era tutto il mio mondo e lui lo avevo distrutto vendendo tutto o poco più e lasciando poco ora non rimasto nulla che dei pc per poter continuare a lavorare in quello che forse non credo non essere più il mio lavoro.
Lui mi disse "ora sei sposata non devi lavorare" hai tuo marito e quella è stata un'altra docia fredda la mia indipendenza che andava in fumo e io che mi sentivo spenta e senza più entusiasmo...e così volli un figlio lo desideravo volevo qualcosa di mio e un figlio l'avevo sempre sognato e sentivo che era il momento giusto poi ne feci un'altra e fui serena ma per poco....
Mio marito si stufò di mantenermi a me ei bambini voleva che lavorassi ma io non c'è la facevo ero bloccata avevo perso fiducia di me e lui mi lasciò sola.
Non propio sola ma con mia madre che con forza e determinazione riuscimmo ad andare avanti...
Ma il problema del lavoro non sento risolto non ho entusiasmo e non riesco a fare nulla ma devo fare qualcosa per i miei figli per il loro futuro il mio non lo vedo più....non sò da dove iniziare, cosa fare datemi un consiglio grazie Tiziana

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

 

Cara Tiziana, è vero c'è molta confusione ma non solo in questo momento.
La confusione c'è da tanto tempo e le tue scelte non sono state così serene anche nel passato.
Non è una situazione che è possibile risolvere in poche parole o in un consiglio sensato; hai bisogno di approfondire le dinamiche che hanno guidato e continuano a guidare la tua vita.
Il lavoro con tuo padre ha avuto per te un significato più importante di quello che avrebbe avuto un lavoro qualsiasi, ho l'impressione che tu volessi dimostrargli qualcosa, conquistarlo, ma il suo atteggiamento ti ha deluso e l'hai...tradito.
Poi lui ha tradito te, le tue aspettative e ha mandato in fumo la tua possibilità di realizzazione, che però rifiutavi.
Il matrimonio, probabilmente, è stato solo una punizione contro tuo padre e una ulteriore dimostrazione che volevi dare a lui, non una scelta consapevole, e, forse, da tuo marito pretendevi che fosse al pari di tuo padre e potesse offrirti la vita che tuo padre aveva offerto alla sua famiglia.
Ora tu e tua madre siete unite in una situazione simile, deluse, tradite e prive di risorse.
Credo che tu debba affrontare una volta per tutte il tuo rapporto con tuo padre, risalendo alla tua infanzia, e cercando di trovare il senso di quello che hai vissuto dentro di te.
Non c'è niente di casuale in ciò che capita nella nostra vita, ed è importante conoscersi per non perseverare negli stessi atteggiamenti dannosi e distruttivi.
Prendi in considerazione l'idea di andare in terapia per vederci più chiaro e uscire fuori dai tuoi problemi con una nuova consapevolezza.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni