Pubblicità

Mobbing (137971)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 819 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chiara 33

Salve, da circa 5 mesi lavoro in un ufficio di scansione documenti. L'ufficio è nuovo, ed io e le mie colleghe abbiamo iniziato a lavorare tutte lo stesso giorno. I nostri responsabili sono in un'altra città e possono "controllarci" solo telefonicamente, non vivendo, purtroppo, quello che accade quotidianamente in ufficio, così che, l'iter lavorativo è interamente gestito da noi.

Siamo persone adulte con caratteri molto differenti e si è creato un branco al quale io non riesco a sopravvivere. Inizialmente si trattava solo di qualche risatina o qualche rimprovero, perchè magari avevo sbagliato qualcosa, adesso è divenuto per me un incubo. Il mio errore è stato quello di non fermare questo "gioco al massacro" dall'inizio, restavo zitta e mi sentivo una cretina impotente. Dopo un paio di mesi, invece, ho iniziato a reagire, ma nella misura sbagliata, ovvero, rispondendo senza mai offendere ma realmente irritata. Ma, purtroppo, mentre la mia autostima è scesa sotto i piedi e mi sento in colpa per tutto, ed inoltre, anche incapace di lavorare, loro, le mie colleghe, hanno una scusa in più per isolarmi e farmi stare davvero male. Non sò come comportarmi, non posso perdere il lavoro, perchè ho problemi con i miei genitori, e sarei, inoltre, io a dovere aiutare loro, e ho un affitto da pagare tutti i mesi. Da giorni e giorni, non dormo più, ho sempre gli incubi, e penso al suicidio. Mi vergogno tanto di non essere stata capace di "difendermi senza sembrare matta, forse lo sono davvero, e comunque sono troppo sensibile.
Non sò a chi chiedere aiuto e ho paura, sto tanto male perchè non vedo via di uscita. In teoria dovremmo dividerci i documenti da lavorare per poi riportare le nostre statistiche giornaliere ai responsabili, ma io non riesco a lavorare, se prendo dei documenti da fare sento i loro occhi addosso, che non vogliono, allora faccio di meno per non essere ulteriormente attaccata. Sono di Firenze, se conoscete qualcuno che può aiutarmi ve ne sarei grata.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

Si comprende bene il disagio che puoi provare in questa situazione perchè, credo, quello che ti risulta più pesante è proprio essere isolata dal gruppo, non avere nessuna collaborazione o appoggio da parte di qualcuno. Chiaramente, nella tua condizione le emozioni diventano molto pesanti, anche perchè sono sempre più profonde e pervasive. Per cominciare a mettere un freno, è necessario parlare con qualcuno del gruppo, aprirti con chi ti dimostra più fiducia, entrare maggiormente in confidenza o complicità, per avere maggiore "peso" dentro al gruppo.

Inizialmente, per entrare in rapporto, puoi fare qualche battuta simpatica per attirare l'attenzione e sdrammatizzare la tensione intorno a te. Per non restare isolata e ai margini, c'è da conquistarsi uno "spazio", in cui puoi sertirti sicura e soddisfatta del lavoro che stai svolgendo. Puoi anche, per superare l'impotenza e la tensione che avverti, chiedere aiuto a qualcuno della tua zona (se consulti il sito dell'Ordine degli Psicologi della Toscana, avrai un lungo elenco di Psicologi e Psicoterapeuti).

Quando si  parla dei problemi personali con qualcuno che sa ascoltare, tutto si ridimensiona perchè si comincia a vedere le cose secondo un ordine differente, meno esasperato, e così si può trovare qualche soluzione idonea.

 

(Risponde il Dott. Vignati Renato)

Pubblicato in data 12/10/09

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni