Pubblicità

Infanzia (147997 )

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 373 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mariangela , 25

 

Gentile Dottore,
mi chiamo Mariangela e sono la mamma di due splendidi bambini.
Io e mio marito Daniele ci siamo sposati quasi cinque anni fa, dopo poco tempo è arrivato Filippo che ora ha circa quattro anni e solo cinque mesi fa è nato Giuseppe. Siamo una famiglia unita, io non lavoro per ora faccio la mamma a tempo pieno, Daniele invece è impegnato tutto il giorno e torna a casa verso le 18:00.
Il nostro problema è che non riusciamo a capire bene come dobbiamo comportarci con Filippo. Lui è un bambino sveglio ed attento, ama giocare all'aperto oppure con le sue macchinine e moto e gli piace imparare cose nuove come ad esempio disegnare e colorare figure nuove oppure ascoltare storie di libri per bimbi con immagini.
Ma capita spesso che Filippo per un motivo banale si irrita ed inizia ad urlare a lanciare qualche giocattolo (rompendolo) oppure capitano momenti che insieme al cuginetto di due anni non sanno trovare un modo per giocare anche se noi glielo facciamo vedere come si gioca magari con una pista per le automobiline o con le bici loro pensano solo a fare confusione a gridare o a correre senza una meta, senza capire che è giunta l'ora di smetterla.
Io sono disperata perchè cerco di impegnarmi in tutti i modi per calmare questi suoi momenti ma senza ottenere nessun risultato e poi alla fine esaurita magari gli dò anche una sculacciata. Voglio dire che questi momenti Filippo li ha iniziati ad avere all'età di circa due anni quindi non da quando è nato il fratello ma già da prima. Vi saluto e confido nel vostro aiuto.
Baci Mariangela.

Gent.le Mariangela,
i comportamenti di Filippo non sono dovuti ad una mancanza di attenzione o di gelosia nei confronti del fratello. Quello che ha Filippo sono delle vere e proprie esplosioni che capitano a tutti quando i livelli di controllo sono troppo alti.
Se il tuo bambino "sta" molto impegnato in attività sedentarie o sta sempre attento agli stimoli educativi che gli offri alla lunga non riuscirà a tenere ed esploderà lanciando tutto in aria.
Filippo ha bisogno di muoversi, fare passeggiate, saltare sui tappeti elastici, ballare, "fare lo scemo" come dicono purtroppo tanti genitori senza essere giudicato o continuamente fermato. Quando va in agitazione va fermato fisicamente..niente urla o sculacciate. va proprio preso e fermato. quando lui sentirà la tua presa sicura e forte e non opprimente potrà rilassarsi e lasciarsi andare.
Un abbraccio

 

(Risponde la Dott.ssa Pagliaro Germana)

Pubblicato in data 29/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni