Pubblicità

Sorprusi in classe (143863)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 346 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Annafranca 43

Salve, sono la mamma di un bimbo che a febbraio scorso ha compiuto sei anni. Nella sua stessa classe, c'è un bimbo iperattivo che sin dall'inizio è stato trattato dalle maestre e dall'isegnante di sostegno come un intoccabile. Lui spinge, picchia, sputa tutti i maschietti della classe. Le maestre invitano con l'autorità che gli è propria ad avere pazienza, lasciarlo fare, perdonare. Mio figlio è stato vittima, come gli altri ragazzini della classe di più monellerie e, in particolare, già due volte, di uno stesso increscioso episodio: viene buttato a terra e questo bimbo, tirandolo per i piedi, lo trascina per tutta l'aula. Il problema è che mio figlio quando io e il papà gli chiediamo cosa è successo ci risponde "nulla!", poi invece i suoi compagni di scuola (che forniscono la medesima versione degli episodi che accadono in classe) mi raccontano ciò che effettivamente è successo. A parte la scarsa professionalità del corpo insegnante (soprattutto della maestra di sostegno!) che, combinazione, non si accorgono mai di niente, la mia preoccupazione sta nel fatto che il mio bambino si rifiuta di parlare di ciò che gli accade. Come dobbiamo comportarci io e il papà? Gli stiamo ripetendo che a noi può dire tutto, che lo amiamo moltissimo. Con noi ha sempre avuto un bel rapporto. Chiunque l'ha conosciuto, comprese le sue maestre, mi dicono che è un bambino sereno e meraviglioso. Come possiamo aiutarlo?

Cara Annafranca, quello che avviene è una sorta di confronto tra il bambino con problemi di comportamento (iperattività) e suo figlio, che ovviamente subisce. In questo confronto, suo figlio vuole sbrigarsela da solo, ovvero vuole contare sulle proprie forze per arginare i comportamenti molesti e fastidiosi. E' anche una questione di autostima, da qui nasce la ritrosia a parlare di quello che accade, anche se voi lo sollecitate in tutte le maniere. Le maestre dovrebbero intervenire quando la situazione si fa più pesante, altrimenti la questione può rappresentare una palestra attraverso la quale apprendere a cavarsela da solo, ad affrontare conflitti impegnativi e a trovare vie d'uscita. Occorre rafforzare le modalità di reazione e di autoprotezione, incoraggiando suo figlio a mobilitare le proprie risorse, solo così potrà sentirsi più forte e in grado di affrontare conflitti in cui può trovarsi.

(Risponde la Dott. Renato Vignati)

Pubblicato in data 28/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni