Pubblicità

Inibizione (127106)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 454 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lucy 22

Salve, il mio problema è di tipo sociale: non riesco a far uscire la mia personalità in contesti in cui ci sono una o più persone che non conosco. Mi sento a disagio e qualunque cosa mi viene in mente da dire mi sembra stupida. Quindi o sto zitta oppure vengo fuori con frasi insulse. Non so come mai mi blocco in questo modo, fatto sta che ogni tanto qualcuno viene fuori con la frase: - ma tu non parli mai?- e questa cosa mi ferisce un sacco. Vorrei cambiare, ma non so come. Anche fare certe cose, tipo ballare, quando ci sono un sacco di persone mi imbarazza a morte. Come posso fare a diventare più socievole e disinibita e a non sentirmi imbarazzata e a disagio in certe situazioni? Questo disagio che ho si percepisce, perchè comincio a giocherellare con la borsa che ho in mano, o col cellulare, proprio perchè sono molto a disagio e non voglio far vedere agli altri che non sono proprio inattiva. Io vorrei cambiare, è bello sentirsi bene con gli altri, ma ho sempre l'impressione che le altre persone mi giudichino male e questa cosa mi blocca un sacco. Voglio riuscire ad essere meno timida, perchè questo mio problema mi fa stare male, e non mi fa vivere la vita che vorrei, mi impedisce di fare nuove amicizie, mi isola dagli altri. Grazie.

Cara Lucy, il tuo problema non è così inusuale tra le ragazze della tua età. Probabilmente ti comporti in questo modo perchè oltre ad essere timida hai anche un livello di autostima abbastanza basso. Credo che qualche incontro con uno psicologo, meglio se di orientamento cognitivo comportamentale, potrebbe aiutarti. Vedrai che con poche sedute sentirai già che qualcosa si muove verso la soluzione. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 25/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

News Letters

0
condivisioni