Pubblicità

ipocondria (165916)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 548 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rachele, 21 (165916)

Salve a tutti, sono una ragazza di 21 anni da un anno soffro di attacchi di ansia! Ho assunto sereupin prescritto dalla mia cardiologa per un anno e adesso sono 3 mesi che non lo sto più assumendo! È un percorso che ho affrontato da sola visto che nessuno mi aveva detto di rivolgermi a uno psicologo ignara della situazione che stavo affrontando, visto che il farmaco che ho assunto pensavo fosse per placare la tachicardia come mi aveva detto la mia cardiologa , invece poi documentandomi ho visto che era uno psicofarmaco.
L' interruzione del farmaco l ho sospesa graduatamente da sola e adesso i sintomi di astinenza sono abbastanza elevati e continuo a sentirli, sono passati 3 mesi, i prini mesi erano abbastanza evidenti adesso piano piano stanno diminuendo ma nn si arrestano.


Adesso la domanda che mi pongo questi sintomi che sto avendo quali mal di testa, rigiditá al collo, formicolii, ronzii alle orecchie, vertigini,macchie colorate quando chiudo gli occhi,fiato corto, sensazione di bruciore alla testa, dolori muscolari ect ect sono dovuti all ansia che comunque continua a persistere o sono sintomi di astinenza del farmaco?
Grazie a chiunque mi risponderá! Volevo precisare inoltre che ho fatto analisi del sangue urine è tutto è risultato nella norma radiografia al torace ed è tutto nella norma visita oculistica e anche qui è tutto nella norma.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


Gentile Rachele,
sembra molto strano che un cardiologo prescriva psicofarmaci senza informare esaurientemente il paziente, ed ancora più originale che sia il paziente a decidere quando e come interrompere la cura. Ciò detto mi sembra che il problema sia capire l'origine dei suoi attacchi di panico. Se dalle analisi mediche risulta che tutto è a posto, occorre cercare i motivi profondi dei suoi "attacchi d'ansia". Una soluzione potrebbe essere rivolgersi ad  un professionista preparato ( da scegliere fra gli psicoterapeuti iscritti all'Ordine degli Psicologi della sua regione, magari fra quanti offrono il primo colloquio gratuito) per capire quali siano i meccanismi profondi all'origine del disturbo.
Augurandole ogni bene, la saluto.

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

Pubblicato in data 31/08/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni