Pubblicità

Ossessione (139875)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 400 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia 33

Salve, ho 33 anni sono una donna e vorrei porre il mio problema, da un anno e mezzo ho avuto seri problemi ed è stato in questo periodo che ho incominciato  a vivere in un mondo tutto mio. Trascorrendo molte ore al computer per lavoro mi sono creata un'identità immaginaria su facebook e ho fatto amicizia con molte persone. Diciamo che è l'identità che mi piacerebbe assumere nella vita reale. Ma questa cosa che all'inizio era solo un passatempo mi è incominciata a piacere. Trascorro molte ore al computer e quando non ci sto spesso penso alla persona dell'identità immaginaria e agli amici che ho acquisito, quando parlo con queste persone invento storie inesistenti. E' come se lo uso per evadere dal pensiero dei problemi della vita reale. E' un modo che mi aiuta attraverso l'ossessione ad andare avanti. Ho ancora il controllo della realtà, spesso provo a smetterla con questa cosa perchè mi rendo conto che non è normale ma non ci riesco. Non riesco a non trascorrere molte ore al computer che lo utilizzo come evasione dai problemi e non riesco ad abbandonare l'identità immaginaria che mi rende felice. Spesso trascuro la vita reale per dedicarmi all'uso anche smisurato e senza controllo della navigazione in internet. Nella vita reale sono spesso distratta e pensierosa. Vorrei sapere che disturbo ho, a cosa vado incontro e  in che modo si puo' curare questo problema. Vorrei poter usare qualche farmaco naturale che posso prendere senza prescrizione medica in modo da vedere se ho un rientro di questo problema. Anche perchè mi vergogno a ricorrere a uno specialista a cui devo raccontare tutto.

Ciao Silvia, purtroppo le diagnosi online sono improbabili ed incerte. E' necessaria una visita di persona. Voglio darti alcuni spunti di riflessione però. Tu parli di una necessità impellente di stare davanti ad internet, volendo potremmo parlare di una dipendenza da internet. Ma poi dici anche che questo comportamento è dovuto al fatto che non sei come vorresti essere e invece internet ti permette di proporre alle persone una immagine di te corrispondente alle tue aspettative, ai tuoi desideri e bisogni. Quindi il problema qual'è? Hai una dipendenza da internet o sei insoddisfatta della tua vita? Eviti di proporti agli altri per come sei, ma ne cerchi in ogni modo il contatto, perchè lo desideri. Mi chiedo se non usciresti di casa sapendo che puoi mascherarti ed essere scambiata per quella persona che desideri essere, io penso di si, penso che usciresti di casa per godere dell'accettazione e della stima, delle grandi gratificazioni che il tuo personaggio potrebbe darti. Tu sai quali sono i tuoi desideri, sai quali sono i tuoi bisogni, sai che genere di persone cerchi, poiché seppur fingendo hai avuto modo di sperimentarlo. Si tratta, adesso, di imparare come, piano piano, assomigliare un po di più a questo personaggio, scoprendo che a volte certe somiglianze sono impossibili ed altre volte che, invece, basta solo un po d'impegno per essere in quel modo. Il primo passo da fare è uscire allo scoperto, mostrarti. Non come un kamikaze che si fa esplodere, ma piano piano, con calma, magari con qualcuno che, quando gli racconterai la tua storia, sorriderà come ho fatto io, pensando a come far uscire da quel guscio le buone cose che ha dentro. No Silvia, non esiste il farmaco per la felicità, mi dispiace. No Silvia, non puoi chiuderti in casa senza parlare con nessuno e "guarire miracolosamente", mi dispiace. Si Silvia, puoi cambiare tanto, e scoprire che anche tu piaci, che anche tu puoi crescere e diventare coraggiosa, che gli eventi della vita possono far male, ma non possono distruggerti. Che il Sole sorge anche per te!

(Risponde il Dott. Giusti Massimo)

Pubblicato in data 13/11/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure/Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

News Letters

0
condivisioni