Pubblicità

Ossessione e fobie (127928)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 359 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Margot 23

Sono margot ho 23 anni e da quasi 4 anni cerco di isolarmi o quasi, pur di non dover mangiare con gli altri. Ho un padre e una madre fantastici, mi amano e mi stimano, e cercano di non far mancare nulla nè a me nè alle mie sorelle. Quando mangio con gli altri mi viene l'ansia. Già da piccina avevo questo tipo di complesso. Ricordo che un anno mio zio mi comprò una torta bellissima per il mio compleanno, ma io non l'assaggiai per nulla. All'asilo non mangiavo mai con gli altri bambini, mangiavo quando loro avevano finito, da sola, e quando loro se ne erano andati. La mia ex migliore amica mi insegnò a mangiare con gli altri bambini, e da lì nessun problema. 4 anni fa, io e la mia squadra di pallavolo ci fermammo in pizzeria dopo una partita, e l'ansia ricomparve a tal punto che non riuscii nemmeno ad assaggiare la cena. In seguito a quell'episodio, non riesco più a mangiare al ristorante; fino ad allora riuscivo tranquillamente a mangiare con chiunque purchè fosse un ambiente familiare. In seguito la mia fobia si allarga, e riesco a mangiare solo con persone che conosco molto bene. Inutile sottolineare come in quattro anni abbia bruciato mille occasioni per divertirmi, basti pensare le bugie che mi devo inventare ogni volta. Sono single. Come potrei avere un uomo accanto a me con questo problema? Non so a chi chiedere aiuto. Sono consapevole di aver bisogno di un'aiuto psicologico, ma serve che qualcuno mi faccia capire che devo sbrigarmi a farlo, perchè ho già perso troppo tempo!

Cara Margot, molto probabilmente il tuo disagio rientra nella sfera definita "fobia sociale". La caratteristica principale di questa fobia è un intenso e ricorrente timore di situazioni sociali o prestazioni. L'esposizione alla situazione sociale temuta conduce ad un intenso livello di ansia e quest'ansia può interferire con le attività quotidiane e relazionali. Il mangiare in pubblico è una situazione temuta dai soggetti con ansia sociale. Ti consiglio, quindi, di intraprendere un percorso terapeutico per affrontare il tuo problema e soprattutto per analizzare i sentimenti e le emozioni vissute in questa particolare situazione. I miei migliori auguri.

 

(risponde la Dott.ssa Alessandra Fabriziani)

Pubblicato in data 10/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Poligamia

In antropologia è quella particolare forma di matrimonio dove un uomo o una donna possono avere più consorti contemporaneamente. Ci sono due tipi: Poliginia...

News Letters

0
condivisioni