Pubblicità

Paura virus intestinale (146692)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 1718 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

William 34

 

Buongiorno,
mi chiamo William ho 34 anni, arrivo subito al punto. Da quest'anno ho iniziato a provare una certa paura di prendere virus intestinali. Premetto che non ho problemi di stomaco o similari, ma quest'anno quando mio figlio ha incominciato l'asilo purtroppo è tornato a casa con un virus, che ha contagiato quasi tutta la famiglia.
Adesso quando sento di persone a me vicine che hanno questo problema mi cominciano a venire un sacco di pensieri e paure, sia di riprenderlo o che qualcuno dei miei cari lo prenda.
cosa posso fare?
grazie
William

 

/>Ciao William, quello che mi descrivi accade spesso nelle persone, perchè quando si vivono delle situazioni che provocano molta paura e preoccupazione, nonchè  dolore fisico, si può sviluppare la paura che ciò si ripeta. Allora nel caso specifico è già importante che tu sia consapevole di ciò che accade nella tua mente, ossia quali sono i pensieri che fai attorno all'evento e all'eventualità che si ripresenti. Direi in maniera più opportuna che sicuramente siamo tutti predisposti, allo stesso modo, a contrarre patologie di diverso genere, ma sviluppare tanti pensieri  e paure in maniera compulsiva, al riguardo, non ti rende la vita serena. Questo perchè hai sviluppato una certa "sensibilità", chiamiamola così, per l'argomento, tanto da prestarne una eccessiva attenzione al riguardo. La nostra mente possiede una struttura molto complessa e molto semplice allo stesso tempo, quindi il sistema di idee che tu hai innescato diventano negative per te, poichè ti producono un'eccessivo allarmismo che ti fà scatenare un intero circuito di "pensieri a moschettone", è un termine che utilizzo per intendere che un pensiero aggancia un altro, e poi un altro, ma è lo scalatore che decide dove posizionarlo. Nel tuo caso, i pensieri,  diventano un circuito chiuso. Ti consiglio di rivolgerti presso uno psicoterapeuta esperto in terapia cognitivo-comportamentale che possa aiutarti a decondizionare i tuoi pensieri e correggere le risposte comportamentali. In bocca al lupo. 

 

(Risponde la Dott.ssa Liotino Marianna)

Pubblicato in data 22/11/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure e Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

News Letters

0
condivisioni