Pubblicità

Paure (147053)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 393 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo

Salve dottoressa, ho 18 anni, quasi 19, e da tempo con il mio ragazzo discutiamo per dei motivi che le racconto.. Ho paura di camminare da sola, ho bisogno sempre di qualcuno al mio fianco, e quando cammino da sola devo sempre camminare al lato della strada e guardo per terra. Quando dormo ho molti scatti nervosi.. frequenti. Cambio umore spesso e volentieri.. e quando mi arrabbio mi chiudo dentro e ci sto malissimo e questo ricade sulla mia salute. Ha notato anche che quando litighiamo dico cose.. che non ricordo che riguardano la mia infanzia.. e ho paura quasi di tutto. Non dormo molto perchè non ci riesco.. spesso..Odio la confusione e gli sguardi della gente. Premetto che la mia situazione familiare è orrenda.. non ho mai avuto serenità.. nella mia vita perchè mio padre è un tipo severo rigido e anche violento sia nelle parole che avvolte... di più per mia madre nelle mani.. Lui vuole portarmi da uno psicologo dice che può aiutarmi.. Grazie per l'attenzione.. davvero grata di una risposta.. Ah dimenticavo il mio ragazzo pensa che io sia stata violentata..

 

 

Ciao mia cara, ho letto con attenzione la tua lettera e immagino che la tua vita sia stata fino ad ora davvero difficile. Crescere con un papà rigido e volento può fare emergere delle forti paure che nel tempo si trasformano in fortissime ansie. Per di più a te capitano anche degli scoppi di ira che ti fanno anche perdere il controllo ed è per questo che poi non ricordi nulla. Non so perché il tuo fidanzato pensi che tu abbia subito una violenza sessuale, ma sicuramente l’avrai subita di tipo psicologico visto che sei cresciuta in un ambiente poco tranquillo e sereno. Ti consiglio di ascoltare il tuo ragazzo e rivolgerti ad uno psicologo, ti aiuterà a stare meglio, capire tante cose di te ed imparare a gestire le situzioni piu critiche, anche con la tua famiglia. E’ arrivato il momento di cambiare vita e di stare meglio! Te lo meriti!

 

(Risponde la Dott.ssa Pagliaro Germana)

Pubblicato in data 25/01/2012
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure e Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni