Pubblicità

Pensieri ossessivi? (140851)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 408 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marica 29

Salve dottore/ssa, mi si attiva il pensiero che "io possa influenzare negativamente gli altri col pensiero" (ora mia madre, ora mio padre, ora mio fratello, ora il mio ragazzo, ora i miei zii, ora i miei cugini, ora le mie amiche, ora i colleghi di lavoro...chiunque indistintamente). Questo pensiero mi determina paura e disagio profondissimo. Mi si attiva il pensiero che "quella persona è ignorante" (ora mio padre,ora mio fratello, ora il mio ragazzo, ora i miei zii, ora i miei cugini, ora le mie amiche, ora i colleghi di lavoro...chiunque indistintamente) e questo pensiero mi blocca completamente nei confronti di quella persona determinandomi paura e disagio profondissimo. Mi si attiva il pensiero che "quella persona è brutta" e questo pensiero mi blocca completamente nei confronti di quella persona, determinandomi paura e disagio profondissimo. Ho letto un articolo interessantissimo e desidero ricevere ulteriori chiarimenti e spiegazioni in merito, che mi possano essere utili per poter affrontare le mie difficoltà. Illustro l'articolo che ho letto: Il pensiero è prodotto da "memorie", ovvero da informazioni acquisite fin dalla nascita sotto forma di schemi, modelli, codici, condizionamenti, regole, nozioni, e "registrate" ; il semplice pensiero, dunque, è un prodotto "automatico" delle nostre memorie, il cui fine è prevalentemente quello di affermarsi e "avere ragione" su altri pensieri. Il pensiero cosciente, invece, è prodotto dall'individualità, ovvero da quell'Io che dovrebbe potersi formare fin dalla nascita sulla base di informazioni rispettose della dignità della persona e delle sue pulsioni innate alla ricerca di piacere, amore ,libertà, giustizia; il pensiero cosciente è il prodotto del nostro Io cosciente che è libero dalle memorie (cioè libero di utilizzare le memorie e di impedire a queste di condizionare la nostra espressione ed il nostro comportamento) ed è sempre finalizzato a creare armonia, giustizia, soluzione di problemi, azioni utili al miglioramento e alla crescita.
Resto in attesa di una Vostra cortese risposta. Grazie.

Carissima Marica, non deve essere una situazione facile la tua, ciò che hai letto e qui riportato è indubbiamente interessante, ma non rispecchia necessariamente la tua situazione. Spiega il funzionamento del pensiero cosciente e non cosciente, ovvero nel tuo caso quei pensieri ripetitivi ed involontari che ti condizionano la vita sociale. E' come se i tuoi pensieri non fossero sempre sotto il tuo controllo e uscissero fuori dalla tua mente andando a influenzare anche i pensieri altrui. Ciò capita quando la mente lavora in modo eccessivo e sarebbe giusto calmarla, darle più tranquillità e serenità. E' importante per questo che tu ti rivolga al tuo medico curante per un consiglio su come fare a calmare questi pensieri e queste sensazioni così profondamente causa del tuo disagio. Poi anche un consulto psicologico ti può dare supporto in questo periodo per allentare la tensione e facilitare il tuo pensiero cosciente. Mi raccomando non sottovalutare una situazione così spaventosa. Un abbraccio!

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 16/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure/Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni